Tempo di lettura: 3 Minuti

Laurea online? No grazie, da luglio si dovrebbe tornare in presenza

Laurea online? No grazie, da luglio si dovrebbe tornare in presenza

La laurea online ha fatto storcere il naso a migliaia di ragazzi. Finalmente da luglio, probabilmente, si potrà tornare alla vecchia modalità. Hai st

La Semente: garantire un futuro ai ragazzi con handicap
Stop alle preghiere in classe, i genitori “laici” portano la Costituzione.
Uscite discografiche del Venerdì: 22 Febbraio 2019

La laurea online ha fatto storcere il naso a migliaia di ragazzi. Finalmente da luglio, probabilmente, si potrà tornare alla vecchia modalità.

Hai studiato anni e anni per laurearti online? Dolore, tristezza e reclusione sono stati i tuoi migliori amici? Vuoi tornare a sentire l’odore di colonia dei tuoi carissimi professori, far scoppiare spumante e tubi con coriandoli? Vuoi sentire dal vivo “finalmente a zia, era ora che ti laureassi”?
La laurea online ti sta, dunque, stretta? Torna alla vita, scegli Manfredi. Gaetano Manfredi, ministro per l’Università e la Ricerca, è l’uomo giusto per te. Proprio lui, infatti, qualche giorno fa ha ammesso la possibilità di ritornare, a luglio, alle lauree in presenza.

Non ci credi? Troppo utopistico dici? Preferisci i lanciafiamme di De Luca? E se invece laurearsi e basta, fosse essa stessa la laurea; e online o no, ma che me cambia? Forse. Ma c’è gente che invece ha voglia di veder parenti e amici festeggiare e ballare mentre viene proclamato dottore. E forse, come dicevamo, questo tornerà presto ad essere realtà.

Le parole del capo

In occasione dei festeggiamenti per i 796 anni della Università Federico II di Napoli, Manfredi ha dichiarato:
L’indirizzo dato a livello governativo è che già da luglio, lì dove possibile, si possa tornare a svolgere sedute di laurea in presenza perché la discussione della tesi in presenza ha un grande valore simbolico, è momento di chiusura di un percorso”.

Certo bisogna farlo con i distanziamenti giusti, con pochi familiari e con meno feste”, mannaggia, ci speravamo. Meglio di niente no? “Ma questa è la direzione verso cui si stanno orientando molti Atenei. Dobbiamo essere molto flessibili, perché è il modo migliore per poter dare risposte alle esigenze di tutti”.

Dunque, rimane il forse, purtroppo. E la laurea in presenza sarà a discrezione dell’Ateneo di appartenenza. Ma possiamo tornare a sperare, perché la non-normalità sia solo una breve parentesi di tristezza tra studio indefesso e meritata disoccupazione.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0