Tempo di lettura: 3 Minuti

Tuma, il suo nuovo singolo e la chiacchierata con FacceCaso

Tuma, il suo nuovo singolo e la chiacchierata con FacceCaso

Il nuovo brano di Tuma si chiama "Mi piacerebbe evitare #2": tra ironia, chicche e freschezza, ecco cosa ci ha raccontato l'artista in esclusiva. Dici

La nuova proposta Google per navigare più veloci
Disintossicazione dai social, la proposta dal Regno Unito
Nasce a Bologna una biblioteca dedicata a Umberto Eco

Il nuovo brano di Tuma si chiama “Mi piacerebbe evitare #2”: tra ironia, chicche e freschezza, ecco cosa ci ha raccontato l’artista in esclusiva.

Dici Tuma, dici ironia. A me è questa la prima immagine che ha suscitato il suo ultimo singolo, “Mi piacerebbe evitare #2”. E allora mi ci sono voluto fare quattro chiacchiere…

Scomodo, spigoloso, ragionato: questo brano è un mix di tantissime cose. Come me lo racconteresti?
Mi piacerebbe evitare è un po’ il mio manifesto. L’ho sempre definita una canzone politicamente scorretta, che si fa portavoce di quello che avremmo sempre voluto dire, ma non abbiamo mai avuto il coraggio di farlo. In questo brano riporto alcune delle cose della vita quotidiana che mi generano insofferenza… il problema è che ogni giorno me ne vengono in mente di nuove. Ammetto di non essere un tipo facile da accontentare.

L’ironia è parte integrante della tua penna. Ma sai usarla con garbo. È complesso il procedimento che porta ad un singolo di Tuma?
Dipende, molto spesso la realtà ti facilita il gioco. Generalmente mi limito a raccontare le cose che vivo per come sono, e capita molte volte che la vita è già grottesca e paradossale di suo e non ha bisogno di grosse manipolazioni. Diciamo che gran parte del mio lato ironico lo devo al fato.

Ma fammi capire, questa tua verve c’era anche tra i banchi di scuola?
Si, ero un cretino già da bambino. Da piccolo sognavo di diventare uno stand-up comedian.

Tornando alla musica, questa “Mi Piacerebbe Evitare #2” ha il profumo di Rino Gaetano… sbaglio?
Non sbagli, è innegabile, possiamo dire che sono cresciuto a pane e Rino Gaetano. Lui è stato uno di quei cantautori che con le loro canzoni hanno saputo raccontare un pezzo di storia italiana. Devo dire, però, che non sono partito dall’idea di scrivere una nuova “Nun te reggae più”, ho iniziato a scrivere e basta, è stato un vero e proprio momento di sfogo.

E siccome la nostra chiacchierata si sta chiudendo, non puoi fare altro che lasciarmi con una bella chicca sul futuro
L’album è pronto e scalpita per uscire. In questo momento sono in sala prove per ultimare la scaletta del live… in poche prole, aspettatevi tanta musica.

#FacceCaso

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0