Tempo di lettura: 2 Minuti

BookCity va in streaming con gli studenti della Statale: il Covid non ferma Milano

BookCity va in streaming con gli studenti della Statale: il Covid non ferma Milano

L’Università degli Studi di Milano, da sempre partner di BookCity, ha contribuito con la realizzazione di oltre 40 eventi. Si è conclusa pochi giorni

Valeria Fedeli all’Università degli Studi di Napoli Parthenope
I gadget dell’estate 2018
Niente penne, niente studio. Così proprio non va giovany

L’Università degli Studi di Milano, da sempre partner di BookCity, ha contribuito con la realizzazione di oltre 40 eventi.

Si è conclusa pochi giorni fa BookCity, la manifestazione letteraria che si svolge annualmente a Milano. Giunta alla sua nona edizione, quest’anno causa Covid si è svolta completamente online, dall’11 al 15 novembre 2020.

L’obiettivo è da sempre quello di valorizzare la cultura e la lettura, rendendole disponibili alla cittadinanza con eventi pubblici e a partecipazione aperta, coinvolgendo intellettuali e autori di calibro. L’intenzione si inserisce in una dimensione molto più ampia, di respiro nazionale ed internazionale. Uno sguardo attento all’innovazione e allo sviluppo, opportunamente miscelati con la tradizione.

Lo svolgimento di questa edizione è stato in diretta streaming sulle piattaforme Microsoft Teams e Zoom, una soluzione innovativa per non rinunciare alla manifestazione nonostante l’emergenza sanitaria in corso, causata dalla rapida diffusione dei contagi da Coronavirus. L’Università degli Studi di Milano è stata, anche quest’anno, partner dell’evento, apportando il suo contributo con ospiti, autori ed eventi dedicati.

Il focus di questa edizione è stato sui temi Terra Nostra e I talenti delle donne. La Statale ha contribuito alla realizzazione di 43 eventi all’interno della manifestazione letteraria milanese. I suoi studenti hanno avuto la possibilità di partecipare attivamente, assistendo i relatori durante il corso delle presentazioni.
L’esperimento digitale sembra essere perfettamente riuscito. L’interazione con il pubblico, seppur più “fredda” per via del limite fisico, è stata garantita dalle piattaforme di streaming con la possibilità di porre domande via chat, cui i relatori hanno potuto rispondere.

Lo svolgimento online della manifestazione purtroppo, però, limita particolarmente la realizzazione dei suoi obiettivi di coinvolgimento cittadino e valorizzazione della cultura per la sua affermazione sociale, nazionale ed internazionale.
Alla prossima edizione, con l’augurio di poterci incontrare nuovamente per le vie della città!

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0