Tempo di lettura: 3 Minuti

BookCity va in streaming con gli studenti della Statale: il Covid non ferma Milano

BookCity va in streaming con gli studenti della Statale: il Covid non ferma Milano

L’Università degli Studi di Milano, da sempre partner di BookCity, ha contribuito con la realizzazione di oltre 40 eventi. Si è conclusa pochi giorni

Mondiali 2018: 10 espressioni inglesi da sapere
L’importanza del “calcio di provincia” per i giovani
Nonno d’Italia: la storia di Romano e Goran

L’Università degli Studi di Milano, da sempre partner di BookCity, ha contribuito con la realizzazione di oltre 40 eventi.

Si è conclusa pochi giorni fa BookCity, la manifestazione letteraria che si svolge annualmente a Milano. Giunta alla sua nona edizione, quest’anno causa Covid si è svolta completamente online, dall’11 al 15 novembre 2020.

L’obiettivo è da sempre quello di valorizzare la cultura e la lettura, rendendole disponibili alla cittadinanza con eventi pubblici e a partecipazione aperta, coinvolgendo intellettuali e autori di calibro. L’intenzione si inserisce in una dimensione molto più ampia, di respiro nazionale ed internazionale. Uno sguardo attento all’innovazione e allo sviluppo, opportunamente miscelati con la tradizione.

Lo svolgimento di questa edizione è stato in diretta streaming sulle piattaforme Microsoft Teams e Zoom, una soluzione innovativa per non rinunciare alla manifestazione nonostante l’emergenza sanitaria in corso, causata dalla rapida diffusione dei contagi da Coronavirus. L’Università degli Studi di Milano è stata, anche quest’anno, partner dell’evento, apportando il suo contributo con ospiti, autori ed eventi dedicati.

Il focus di questa edizione è stato sui temi Terra Nostra e I talenti delle donne. La Statale ha contribuito alla realizzazione di 43 eventi all’interno della manifestazione letteraria milanese. I suoi studenti hanno avuto la possibilità di partecipare attivamente, assistendo i relatori durante il corso delle presentazioni.
L’esperimento digitale sembra essere perfettamente riuscito. L’interazione con il pubblico, seppur più “fredda” per via del limite fisico, è stata garantita dalle piattaforme di streaming con la possibilità di porre domande via chat, cui i relatori hanno potuto rispondere.

Lo svolgimento online della manifestazione purtroppo, però, limita particolarmente la realizzazione dei suoi obiettivi di coinvolgimento cittadino e valorizzazione della cultura per la sua affermazione sociale, nazionale ed internazionale.
Alla prossima edizione, con l’augurio di poterci incontrare nuovamente per le vie della città!

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0