Tempo di lettura: 3 Minuti

Mascolinità tossica: non farti “il grosso” perchè ne sei stato vittima

Mascolinità tossica: non farti “il grosso” perchè ne sei stato vittima

La mascolinità tossica dilaga silenziosa dai banchi di scuola ai social network, dalle vecchie alle nuove generazioni, emergendo con l’emancipazione d

Il nuovo disco dei Portobello in anteprima su FacceCaso!
Problemi con il numero chiuso anche all’Università di Palermo: l’Unu denuncia ma non ricorre al Tar
Nuova messaggistica per Instagram?

La mascolinità tossica dilaga silenziosa dai banchi di scuola ai social network, dalle vecchie alle nuove generazioni, emergendo con l’emancipazione dei tempi nel tentativo di abolirla: ecco, lo stereotipo del “maschio alpha” come visione universale dello spettro maschile, ma andiamo con ordine …

Il termine “mascolinità tossica” è sempre più presente tra le lotte attiviste note tra i social network, enfatizzate con video rivelatori come “Welcome to our society” di @_m3ryyy , ma bisogna osservare attentamente a cosa si riferisce questo termine.

Riprende quegli atteggiamenti riconosciuti come maschili e correlati all’ideale di uomo socialmente accettato, imposto all’individuo dal contesto sociale, residuo di un patriarcato che persiste ancora.

Nasce dall’educazione infantile, quando al primo pianto, al bambino vien detto: “Sii uomo”, sii un essere ibrido ed apatico, così si distingue dalle “femminucce”, difatti si sentono pervenire rimproveri ed imposizioni su come essi si dovrebbero comportare.

Così i piccoli crescono e diventano ragazzini, i più fragili, che sin dalle medie ricevono provocazioni come: “se non vuoi fare a pugni, è perché sei una femminuccia”. E questi continuano a maturare nella propria bolla il proprio ruolo da rispettare, talvolta intimidendosi e facendo branco per sentirsi riconosciuti dagli altri nel proprio genere biologico.

Dunque, se un ragazzo si mette un po’ di fondotinta per nascondere i brufoli, diviene vittima dell’urlo all’omosessualità come insulto, così come se dovesse mettere lo smalto o la matita alla Billie Armstrong, o se nello spogliatoio risulti quello meno dotato, viene indicato come meno maschio, perdente.

Fortunatamente c’è chi cerca di scardinare questa mentalità che associ al femminile certi usi e costumi. Vediamo un Achille Lauro truccatissimo, con i suoi vestiti provocanti ed eccentrici, seguito dall’internazionale Harry Styles, primo uomo ad avere avuto la copertina di Vogue Magazine, e persino con un vestito lungo, quasi principesco e galante.

Chi mette lo smalto e punta al fondare una propria collezione, come Fedez, o chi simula delle voci ambigue in modo prettamente ironico che talvolta tendono all’effemminato, come Cosma.

Una citazione della giovane Fumettibrutti, attiva per la libertà da ogni tipo di archetipo ideologico/sessuale, afferma: “Cos’è un maschio? Un’invenzione come la femmina”.

Questo è uno dei modi in cui la società patriarcale danneggia la spontaneità dei ragazzi sin dalla tenera età, dall’educazione a casa, alla propagazione e concretizzazione tra i banchi di scuola e così, nella vita.

#FacceCaso

Di Alessia Sarrica

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0