Tempo di lettura: 2 Minuti

Cervelli in fuga? Tranquilli giovany, abbiamo il biglietto di ritorno!

Cervelli in fuga? Tranquilli giovany, abbiamo il biglietto di ritorno!

Da “cervelli in fuga” a “italiani di ritorno” il passo è breve: ecco quali sono le motivazioni dei giovany che hanno deciso di cambiare direzione rito

Caro trasporti in Sardegna: studenti in protesta
L’home made del ticket da parcheggio
Intervista a due studenti fuorisede che volevano votare alle Europee

Da “cervelli in fuga” a “italiani di ritorno” il passo è breve: ecco quali sono le motivazioni dei giovany che hanno deciso di cambiare direzione ritornando a casa e chi, al contrario, non ha mai voluto abbandonarla!

La “brain drain” ci ripensa e cambia direzione. Siamo soliti tradurre questa espressione con “cervelli in fuga” di trasferirsi all’estero. Ecco, qualcuno di loro ha cambiato idea!

Da ragioni di carattere prettamente economico al desiderio di immergersi in un background lavorativo più meritocratico e pragmatico, queste sono solo alcune delle motivazioni che, da sempre, hanno alimentato il desiderio di allontanarsi dalla vita Made in Italy. Ma qualcosa è cambiato:

la pandemia ha significativamente stravolto la scala dei valori per l’82% dei “cervelli in fuga”, che hanno messo al primo posto gli affetti e la famiglia.

L’entusiasmo iniziale si è tinto di nero e non a caso il fenomeno di rientro si è verificato durante la fase più acuta dell’epidemia in cui i giovani lavoratori, incentivati dallo smartworking, si sono chiarite le idee: sì, si ritorna a casa! E la conferma arriva direttamente dalla ricerca “Covid-19 – l’impatto sui giovani talenti” condotta dal Centro Studi Pwc sulla piattaforma Linkedin, per iniziativa di Talents in Motion e Fondazione con il Sud.
“In questo senso il Covid ha inciso profondamente sulle scelte dei giovani italiani” ha dichiarato Sandro Bicocchi, il direttore dell’Ufficio Studi, sottolineando come la crisi sia avvenuta simmetricamente anche nei Paesi ospitanti.

E poi c’è anche chi l’Italia non l’ha abbandonata mai, dando voce a storie imbevute di patriottismo. Proprio come in “Voglio vivere in Italia”, un programma su Sky portato avanti da due globetrotter con la voglia di raccontare l’importanza di grandi uomini e donne impegnati nella battaglia contro il cambiamento climatico nel Mediterraneo fino a progetti di volontariato.

Un format che ci ricorda l’amore verso la nostra Italia e che, in fondo, ogni scarrafone è bello a mamma sua!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0