Tempo di lettura: 3 Minuti

Giochi da tavolo: ecco il loro rientro dallo stile vincente. Facciamo un’altra partita?

Giochi da tavolo: ecco il loro rientro dallo stile vincente. Facciamo un’altra partita?

Ebbene sì, stiamo assistendo al ritorno dei giochi da tavolo. Tra dadi e pedine, i “tabelloni” si riprendono il ruolo da protagonista e rientrano in s

Nuovo MacBook Pro: un tocco di genio
Usare Internet per studiare migliora le prestazioni scolastiche! È dimostrato…
Archeologi in smart working scoprono insediamenti Romani in Britannia!

Ebbene sì, stiamo assistendo al ritorno dei giochi da tavolo. Tra dadi e pedine, i “tabelloni” si riprendono il ruolo da protagonista e rientrano in scena.

Nei giochi da tavolo ho visto famiglie sgretolarsi e coppie scoppiare per non aver pagato la cauzione e uscire di prigione. Ho assistito ad amicizie in frantumi per non aver ceduto la Stazione Ovest… Ma tranquilli, per loro esiste un apposito girone dell’inferno, più brutto di Vicolo Corto.
Ma poi ho anche visto gli occhi brillare per il sentimento, quello autentico. Nessuno potrà mai competere con la gioia nel ritirare i soldi passando dal “Via” in modo da raggiungere l’obiettivo della nostra vita: costruire un albergo su Parco della Vittoria!

È vero, nella prima fase il virus ci ha colti alla sprovvista – e stiamo ancora maledicendo il giorno in cui abbiamo dato via il nostro Trivial Pursuite – ma, mai come adesso abbiamo fatto scorta di giochi di società, prepotentemente tornati in auge.

Una crescita esponenziale di richieste che ha lasciato a bocca aperta le stesse aziende produttrici, in deciso risveglio dopo il funesto periodo costellato da consolle e videogame.

E ancora si dice che a ogni dado lanciato, muoia un joystick

I giovany hanno riscoperto una maggiore voglia di sentirsi protagonisti a tutto tondo. Un ritorno di fiamma all’interno di un momento-dialogo che offre un’atmosfera ludica, concreta e socialmente positiva.
Le vendite parlano chiaro: è avvenuto un incremento del 90% dei giochi in scatola.

Dixit è al primo posto tra i Best Seller di Amazon, e la competizione si allarga con i giochi ispirati ai personaggi delle nostre saghe preferite da Harry Potter a The Walking Dead.

Ogni anno escono quasi 1.000 giochi inediti – dichiara il direttore creativo della fiera Play di Modena, Andrea Ligabue – dai temi sociali come The Italian Job a quelli horror e fantasy sulla scia dei grandi successi cinematografici”.
Ma è anche vero che “la struttura dei giochi di società – continua Ligabue – ha imparato la lezione digitale: la grafica è curatissima e molto intuitiva, le regole sono semplici e le partite hanno tempi rapidi, al contrario di quelle interminabili di una volta”.

Ma urlare dopo che hai conquistato la Kamchatkca a RisiKo! non ha prezzo.

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0