Tempo di lettura: 1 Minuti

Vaccino ai giovany. Ma quindi quando si parte effettivamente?

Vaccino ai giovany. Ma quindi quando si parte effettivamente?

Il vaccino per il Covid19 dovrebbe essere iniettato prima ai giovany o agli ultra 70enni? C'è chi la pensa in un modo, chi in un altro. Come sempre.

Pisa, studentessa a 73 anni, alla faccia dei fuori corso
Riapre l’Università del tempo libero
Gli anziani fanno mooolto più sesso dei giovani, che non lo fanno più

Il vaccino per il Covid19 dovrebbe essere iniettato prima ai giovany o agli ultra 70enni? C’è chi la pensa in un modo, chi in un altro. Come sempre.

Si fa polemica sul vaccino. Strano eh? Eppure di solito gli italiani sono così silenziosi. Eppure…
Sono troppi!!! Dicono i no-vax che non vorrebbero un numero maggiore di 0. Sono pochi, dicono gli allarmisti. Faranno male, ma no faranno bene, troppe dosi, poche dosi. A te prende il 5G? Diventerai un’antenna. Se non altro non dovrò cambiare cellulare troppo spesso.

E poi c’è la polemica sull’età. non ci facciamo mancare nulla noialtri.

“Hai visto l’hanno fatto a quel tipo che ha 101 anni, così è sprecato”, “ma no, ogni vita ha un valore e come tale deve essere preservata” “E i bambini? Nessuno pensa ai bambini??!!”. Insomma, ognuno dice la sua nella repubblica fondata su “pomeriggio ciaone Barbarella, kaffè???!!!”.

Ma come stanno “veramente” (forse, probabilmente, chissà, magari, in teoria) le cose? Quando, davvero, i giovany di tutta Italia riceveranno sto benedetto vaccino?

Metà anno, fine 2021? Inizio del ’22? Ipotesi. Solo ipotesi. Nessuno sa nulla. Per incapacità? Forse. Ignoranza? Probabilmente. O, ancor più probabilmente, perché siamo in una cazzo di piaga d’Egitto e manco Mosè riuscirebbe a cavare un ragno dal buco.

Vaccino ai giovany. Quando?

Una piccola idea, di come lo stato ha intenzione di procedere, possiamo farcela leggendo ciò che ha detto qualche giorno fa il direttore sanitario di APSS Antonio Ferro: “Per noi è quindi prioritario vaccinare gli anziani partendo dagli over 80, scendendo poi ai 70enni. I giovani saranno vaccinati per ultimi, verso la fine del 2021, inizio 2022. Segnalo che ad oggi non abbiamo segnalazione di eventi importanti di reazione al virus, si sta infatti dimostrando un vaccino ben tollerato e sicuro”.

Non pare tanto d’accordo con questa modalità di procedura Maurizio Mori, ordinario di bioetica e filosofia morale a Torino e presidente della Consulta di bioetica: “I ragazzi sono più contagiosi, immunizzandoli si proteggono meglio anche le persone fragili”.

Bisogna decidere se si vogliono salvare più vite o più anni di vita. Meglio dare al dose ad un ragazzo che a un settantenne come me”.

Aspettiamo e si vedrà.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0