Tempo di lettura: 1 Minuti

Sicurezza online: cinque semplici consigli per navigare senza pensieri

Sicurezza online: cinque semplici consigli per navigare senza pensieri

Il mondo è connesso come mai prima d’ora, e noi con lui. Ecco dunque qualche consiglio per aumentare la nostra sicurezza online. Negli ultimi venti a

Tre nuovi singoli da non perdere: scopriamo i brani di Elettra, Nùma e LQG
Dopo le vacanze natalizie ecco la sessione invernale: come prepararsi agli esami?
Alcuni consigli per affrontare al meglio la sessione d’esami!

Il mondo è connesso come mai prima d’ora, e noi con lui. Ecco dunque qualche consiglio per aumentare la nostra sicurezza online.

Negli ultimi venti anni internet ha rivoluzionato il nostro mondo. Tutto ciò che ci circonda è direttamente o indirettamente connesso. Tutelare la nostra sicurezza online è fondamentale.

Mai come quest’anno, la digitalizzazione ci è venuta in soccorso per continuare le nostre attività nonostante il covid. E-commerce, web conference e smart working non hanno segreti per noi ormai. Ma tutte queste attività nascondono delle insidie, perché i protocolli di sicurezza che utilizzano sono giovani. Si tratta sostanzialmente di algoritmi che possono diventare obsoleti da un giorno all’altro e sono efficaci finché non viene ideato uno più complesso.

Cosa fare, dunque per garantire la nostra sicurezza online?

  1. Non utilizzare servizi di archiviazione in cloud per i file. I servizi drive sono utili per la condivisione, la portabilità e la collaborazione, ma non vanno utilizzati per archiviare foto e documenti importanti, che vanno conservati su dispositivi fisici offline, hard disk o penne USB.
  2. Allo stesso modo, questi file non vanno tenuti sui cellulari; vanno trasferirti periodicamente su dispositivi di archiviazione più sicuri. Il cellulare può andare perduto o finire nelle mani di qualche malintenzionato.
  3. Paga online con PayPal, il sistema di pagamento che fa da intermediario tra te e il sito e non condivide i dati delle carte. Se il sito non accetta pagamenti con PayPal, è consigliabile avere una carta prepagata da caricare all’occorrenza. Se i dati di questa verranno rubati, il vostro denaro rimane comunque al sicuro.
  4. Utilizza password diverse e complesse, è più difficile che vengano violate e, in caso succeda, il danno sarà limitato solo al sito in questione.
  5. Attenzione ai popup: non salvare le credenziali di accesso su siti o browser, né i dati delle carte di pagamento. Quando aderiamo ad un servizio leggiamo bene prima di selezionare tutte le spunte di accettazione, spesso non sono obbligatorie e ci dicono che i nostri dati verranno condivisi e rivenduti!

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0