Tempo di lettura: 3 Minuti

Se sei felice e tu lo sai… beh, probabilmente sei in Finlandia (clap, clap!)

Se sei felice e tu lo sai… beh, probabilmente sei in Finlandia (clap, clap!)

La qualità del benessere sociale colloca la Finlandia in pole position nella classifica dei Paesi più felici del mondo: ecco il segreto della sua feli

Bussetti: più posti a Medicina, ma i giovani non ci stanno!
Spesasospesa: l’iniziativa per aiutare chi ne ha bisogno in questo momento!
Parlamento: meno religione, più educazione civica

La qualità del benessere sociale colloca la Finlandia in pole position nella classifica dei Paesi più felici del mondo: ecco il segreto della sua felicità!

Ebbene sì, la Finlandia ha fatto tripletta questa volta. È il terzo anno consecutivo in cui il territorio finlandese non si smuove dalla prima posizione in classifica secondo il “World Happiness Report”.

In poche parole, la Finlandia è il paese più felice al mondo anche nell’edizione dell’attuale 2021, dove i motivi di tristezza non erano di certo pochi!

È un report sulla felicità mondiale che, nell’ultimo periodo, si è basato anche sugli effetti del Covid-19 e sulle conseguenze comportamentali della popolazione individuale e collettiva.

I resoconti sono stati comparati monitorando la qualità della vita dei cittadini e le strategie politiche attuate dai governi: così gli autori si sono impegnati a capire prima, e a spiegare poi, “perché alcuni paesi hanno fatto meglio di altri” – come dichiarano sull’official site – suddividendo obiettivi e concetti in capitoli.

La chiave di questo benessere collettivo, oltre a essere trascritta nell’ottavo capitolo del WHR, apre le porte a un approccio tutto finlandese e socialmente indispensabile che si chiama Wellby. Approccio Wellby!

Semplificando, viene applicata un’equazione di welfare che si divide tra denominatori di vita e di tempo attraverso un “tasso di sconto temporale puro” che si districa nell’incertezza del futuro. Lo stesso futuro in cui si vuole misurare il benessere con unità che calcolano il “peso” della vita: è un presupposto all’interno del quale si anima una costanza di Quality of Life a lungo termine.

In più vi è un altro concetto, scontato ma forse nemmeno troppo, che occupa spazio nella fiducia delle istituzioni: “La cura della vita umana e della felicità … è l’unico oggetto legittimo del buon governo”. Come diceva un certo Jefferson in tempi non sospetti.

E l’Italia? Quest’anno si trova al 25° posto (clap, clap!).

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0