Tempo di lettura: 1 Minuti

Universitario finge il suo omicidio in DAD scatenando il panico: denunciato

Universitario finge il suo omicidio in DAD scatenando il panico: denunciato

Un universitario ha avuto la grande idea di fingere il suo stesso omicidio durante una lezione online, ma non è andata come previsto… Con la DAD, orm

Quando un litigio fra amici degenera nella rissa
Degrado scolastico: a Foggia e a Roma ci sono i topi!
La procura di Rieti non perde tempo: sequestrata la scuola di Amatrice

Un universitario ha avuto la grande idea di fingere il suo stesso omicidio durante una lezione online, ma non è andata come previsto…

Con la DAD, ormai, se ne sentono di ogni, la fantasia degli studenti negli scherzi è sempre più variegata, soprattutto con l’avvento dei vari trend tiktokiani (una bella definizione da boomers), insomma, una storia che un po’ tutti ci aspettavamo adesso è ufficialmente arrivata: un universitario ha finto il suo stesso omicidio durante una lezione in DAD scatenando il panico generale.

Non che sia un’idea tanto originale, probabilmente il 20enne si è lasciato trasportare dall’onda di questi scherzi che vanno molto su Omegle, una piattaforma di videochat randomiche molto famosa un po’ in tutte le parti del mondo, e che poi vengono pubblicati sulle varie piattaforme.

Ma come sono andati realmente i fatti?
A quanto pare, il ragazzo, iscritto all’Università degli Studi di Salerno, si trovava in DAD con il docente, il quale conduceva la lezione da Roma, ed i suoi colleghi.
Durante la lezione, i partecipanti alla riunione hanno visto entrare nella stanza dello studente un individuo incappucciato ed armato, il quale ha puntato la pistola e sparato alla testa del ragazzo che, cadendo, ha lasciato l’inquadratura completamente vuota.

Così, il professore, ha prontamente contattato i carabinieri della Capitale che si sono messi in contatto, a loro volta, con i colleghi salernitani in modo da poter andare a controllare di persona.

Dopo una perizia, il misfatto è venuto a galla: la persona incappucciata era un amico dello studente e la pistola era finta, insomma, era tutto uno scherzo di pessimo gusto, come viene descritto da molte testate.

Ovviamente, è scattata la denuncia per procurato allarme: un finale degno dei tipici titoli “scherzo epico finito male”, come andava di moda qualche anno fa su Youtube, per quelle challenge in cui la situazione degenerava…

#FacceCaso

Di Alessia Sarrica

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0