Tempo di lettura: 1 Minuti

TG FRANCE: Francia (e francese) odi et amo… ora andiamo alla scoperta?!

TG FRANCE: Francia (e francese) odi et amo… ora andiamo alla scoperta?!

Italiani che amano il francese, un francese complesso e variegato e una Francia tutta da visitare con pochi spicci in tasca… SOS Francese?! Consigli

Pistole Taser: il manganello ormai è fuori moda.
Corpo Europeo di Solidarietà: la faccia bella dell’Unione Europea
The 100…licei brevi

Italiani che amano il francese, un francese complesso e variegato e una Francia tutta da visitare con pochi spicci in tasca…

SOS Francese?! Consigli linguistici per studenti in Francia…
“Paese che vai, usanza che trovi”, ma chi lo ha detto? In Francia è più “regione che vai, parola che trovi!!”
Ci sono alcuni cibi e oggetti che vengono chiamati diversamente nelle varie regioni francesi, e guai a confondersi… Qualche esempio concreto?

Il famoso (e gustoso) “Pain au chocolat” nel sud della Francia si chiama “Chocolatin”, chi sbaglia paga di più (parola di FacceCaso)! Invece le buste, che nel sud vengono chiamate “poche”, al nord sono “sac”… insomma, se la lingua francese non fosse già abbastanza difficile, ci si mettono anche le divergenze territoriali a rendere il tutto più divertente.

Un ponte metaforico tra gli studenti di Italia e Francia: l’Association Marianne
Da qualche tempo, grazie alla collaborazione e l’impegno di alcuni appassionati studenti, è nata l’Association Marianne. Lo scopo è quello di creare un “ponte” culturale istituzionalizzato tra gli studenti italiani e quelli francesi grazie ad accordi di collaborazione.
I progetti sono tanti e anche le ambizioni, nel board onorario ci sono nomi importanti come la Professoressa Paola Severino (Vicepresidente della LUISS) ma anche il deputato Sandro Gozi.

L’associazione sta già organizzando molti eventi nella capitale romana per i giovani appassionati di lingua e cultura francese, tra cui tanti “rendez-vous” dove i ragazzi possono parlare e confrontarsi. Potete seguire le iniziative tramite i profili social… noi vi abbiamo avvisato!

Francia da scoprire a pochi euro…
Vivere all’estero offre tante opportunità di scoperta, quindi perché non approfittare per fare un giro un po’ “atipico” della propria host country? Non esiste solo Parigi ma ci sono anche tantissime città più piccole che meritano di essere visitate, per citarne alcune: Bordeaux, Nantes, Aix-En-Provence, Lille…

La cosa migliore, per evitare di spendere un patrimonio, è organizzare il tutto con un certo anticipo e usufruire dei collegamenti più cheap: i Flixbus (ma anche treni e aerei, se prenotati prima) sono un ottimo modo per risparmiare e allo stesso tempo raggiungere tante cittadine che nascondono la vera anima francese.

#FacceCaso

Di Martina Borrello

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0