Tempo di lettura: 2 Minuti

Da oggi anche lo chef entra nell’Olimpo dei Laureati!

Il tutto grazie alla Coquis dello stellato Angelo Toriani: la sua scuola rilascia un bachelor europeo internazionale di alto livello. Dai fornelli all

A New York grazie ad un pomodoro? Anche questo è possibile per i giovani chef
Ecco gli chef social influencer
Dinner in the Sky: la seconda metà di Settembre a Roma!

Il tutto grazie alla Coquis dello stellato Angelo Toriani: la sua scuola rilascia un bachelor europeo internazionale di alto livello.

Dai fornelli alla Laurea. Sì, da oggi anche gli chef possono ricevere l’agognatissimo ‘pezzo di carta’, risultando laureati in Arte e Scienza della Cucina. Il paradiso dei cuochi è la ‘Coquis’, scuola dello stellato Angelo Troiani che, dopo i tre anni tra studi e pratiche sui fornelli, ti rilascerà un bachelor europeo internazionale. Questo corso triennale, insomma, è accreditato come università presso l’E.a.b.h.e.s., ossia l’European Accreditation Board of Higher Education Schools.
Senza fare gli eruditi, questo riconoscimento è un vero e proprio titolo accademico che lo chef sbandiera con giustificato orgoglio: “E’ l’unica ad averlo ed è la prima volta che una scuola di cucina della durata di tre anni ha valore universitario con tanto di crediti”. Ma bisogna demistificare un mestiere che, anche grazie a programmi come Masterchef, sta assumendo tinte pericolosamente sottovalutate. Alla Coquis si studia roba tipo fondamenti della scienza alimentare, igiene e sicurezza, antropologia del cibo e agricoltura e sistema di produzione. Tutte materie fondamentali per consegnare ai futuri chef un bagaglio di cultura e conoscenza necessari anche per comporre il miglior piatto della storia. Poi, ovviamente, si passa alla pratica, per toccare con mano tutto questo sforzo sui libri. Buttando un occhio alla struttura di questo Ateneo Italiano di Cucina, vediamo che prevede frequenza obbligatoria tutte le mattinate dalle 9 alle 13 e dà anche la possibilità di iscriversi ad un master all’estero dopo aver completato il triennio.
Come ricorda Troiani, “fare il cuoco non è più un mestiere da praticoni. Dopo la scuola alberghiera non esisteva alcun titolo di studio certificato e per accedere da noi occorre ovviamente avere un diploma di scuola superiore come per l’accesso a tutte le altre facoltà”.
Dai fornelli alla Laurea, finalmente si può, #FacceCaso.

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0