Tempo di lettura: 1 Minuti

Dalla nazionale femminile del Gambia alla morte da migrante

Dalla nazionale femminile del Gambia alla morte da migrante

Fatim Jawara, portiera della squadra africana, sarebbe deceduta a largo delle coste libiche. La tragedia e il calcio si intrecciano in un nuovo dramma

Calo iscritti all’università, lo confermano i dati Istat
Ue verso l’obbligo di rimozione per i contenuti social violenti
Il giuramento dell’ Albertelli contro la violenza

Fatim Jawara, portiera della squadra africana, sarebbe deceduta a largo delle coste libiche. La tragedia e il calcio si intrecciano in un nuovo dramma Mediterraneo.

Fine ottobre, ennesimo barcone e ennesima tragedia: mare mosso e barca affondata, morti, ancora e ancora. Tra questi una persona però non è una faccia sconosciuta, si tratta di Fatim Jawara, talentuosa calciatrice e portiere della nazionale del Gambia. Aveva 19 anni, voglia di vivere e giocare, non si sarebbe fatta fermare da nulla pur di arrivare in Italia e tentare la carriera professionista in Germania.

Era il suo sogno, il calcio la sua vita, e avrebbe voluto fondere questi due pensieri e trasformarli in un nuovo inizio. Certo per un migrante non è mai facile provare a realizzare i propri obbiettivi, ma lei troppo presto li ha dovuti abbandonare, troppo presto noi abbiamo abbandonato un’altra anima, in un ripetersi ormai troppo frequente di morti e cronache nere, nell’immensa tomba che è diventato il Mar Mediterraneo.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0