Tempo di lettura: 2 Minuti

Mare, sole e…classifiche universitarie: ecco l’ARWU

Mare, sole e…classifiche universitarie: ecco l’ARWU

L'ARWU ha appena aggiornato le proprie graduatorie. E allora diamo uno sguardo al “ranking by subjects” con un occhio alle università nostrane. Ok, l

Sette giovani italiani in gara per la classifica 2017 Under 30 di Forbes
Torna EBEC: sei pronto per la competizione d’Ingegneria dedicata agli studenti?
Ricerca in Nuova Zelanda: il lavoro ai tempi della mobilità internazionale

L’ARWU ha appena aggiornato le proprie graduatorie. E allora diamo uno sguardo al “ranking by subjects” con un occhio alle università nostrane.

Ok, lo sappiamo, dopo aver dato i propri esami di maturità i giovani neodiplomati non vorrebbero fare altro che godersi il meritato riposo sdraiati su un lettino in riva al mare. Purtroppo, però, bisogna anche pensare al futuro e in particolare a quella scelta dell’università che non è mai facile.

E così ogni tanto si corre sotto l’ombrellone a consultare le classifiche mondiali degli atenei. Di queste classifiche, come sappiamo, ce ne sono tantissime e ognuna di esse racconta una realtà diversa dalle altre. E allora come fare?

Beh, la cosa migliore, come sempre, è dare retta a quelle più affidabili. Tra queste rientra anche l’ARWU (Academic Ranking of World Universities), la graduatoria che viene stilata ogni anno dall’Università Jiao Tong di Shanghai e che ha da poco aggiornato il cosiddetto “ranking by subjects”, la classifica degli atenei in base alle singole discipline.

Per quanto riguarda l’Italia, da questa graduatoria escono “vincitrici” soprattutto due università: la Sapienza di Roma e il Politecnico di Milano. La prima si piazza nella Top30 in ben due campi, ingegneria aerospaziale (16esima) e fisica (29esima), ed è la prima italiana in ben 13 materie.

L’ateneo lombardo, invece, naviga a vele spiegate in ingegneria meccanica, dove chiude la Top30, e civile, dove si piazza al 43esimo posto. Da non sottovalutare, però, neanche la Federico II di Napoli che si fa notare in una disciplina che ha molto a che fare con il nostro territorio: la Food Sciences and Resources, dove è addirittura 20esima al mondo.

Insomma, dopo la Quacquarelli Symonds anche l’ARWU conferma i notevoli progressi delle università nostrane. Alla faccia di chi non ci credeva, alla faccia di chi dice che stiamo indietro; carta canta e la melodia che risuona nell’aria non ci dispiace affatto.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0