Tempo di lettura: 1 Minuti

Giovani meno ricchi e meno fiduciosi: la situazione italiana

Giovani meno ricchi e meno fiduciosi: la situazione italiana

Il confronto tra la nostra generazione e la precedente, 2016 vs 1991. Mio padre dice sempre che a noi, ragazzi di oggi, “è andata male” perché loro av

Come usare l’Internet degli anni ’90
Tamagotchi 20 anni dopo, ecco cosa abbiamo
Per i venti anni Tamagotchi arriva su smartphone

Il confronto tra la nostra generazione e la precedente, 2016 vs 1991.

Mio padre dice sempre che a noi, ragazzi di oggi, “è andata male” perché loro avevano molte più opportunità di noi ma soprattutto che loro erano molto più benestanti.
Dire che i nuovi dati del Censis danno ragione a mio padre sembra presuntuoso, effettivamente però il Centro studi investimenti sociali afferma che la nostra generazione è più povera di quelli che avevano la nostra età nel 1991.

Vi spiego,

secondo le statistiche il nostro reddito rispetto a quello dei ragazzi nel 1991 è sceso del 26,5% e non solo perché se parliamo di famiglie quelle di ragazzi (under 35) hanno una ricchezza più bassa del 41,1%.

Il motivo? Sicuramente i tempi sono cambiati, sicuramente la nostra tendenza a studiare ha allungato i tempi, ma nel 2015 l’Italia ha toccato il picco più alto di giovani inattivi ovvero quelli che né studiano, né lavorano e né stanno momentaneamente cercando un’occupazione.

Ma perché? Uno dei motivi sembra essere quello della poca fiducia, nei confronti delle istituzioni, della politica e dei sindacati. Basti pensare che l’89,4% degli italiani ha una considerazione negativa della classe politica contro il 4,1% di chi è più ottimista.

#Malemale

 

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0