Tempo di lettura: 1 Minuti

A Firenze arriva “Didacta”: la fiera dell’istruzione più importante d’Europa


A Firenze arriva “Didacta”: la fiera dell’istruzione più importante d’Europa


Dal 27 al 29 settembre 2017 presso la Fortezza da Basso, sarà allestita un’area espositiva di di 15mila metri quadrati interamente dedicata all’istruz

Cagliari, l’Università va in carcere con tre tesi “illegali”
Professore vs alunno qual è la verità al Pacinotti?
SOS-tegno disabili

Dal 27 al 29 settembre 2017 presso la Fortezza da Basso, sarà allestita un’area espositiva di di 15mila metri quadrati interamente dedicata all’istruzione. #FacceCaso.

A Firenze arriva “Didacta” la versione italiana della più importante fiera dedicata all’istruzione che da oltre 50 anni si tiene in Germania. Dal 27 al 29 settembre 2017 presso la Fortezza da Basso, sarà allestita un’area espositiva di di 15mila metri quadrati dedicata a ben 150 espositori italiani e 20 espositori istituzionali e associativi. Il programma prevederà più di 60 eventi in fiera e una serie di appuntamenti fuori salone dedicati a studenti e famiglie.

“Didacta sarà un luogo di contaminazione, uno spazio dove conosce e diffondere metodi di formazione innovativi, scambiare esperienze e diffondere buone pratiche. Vogliamo che questo appuntamento diventi anche un punto di riferimento, nel settore dell’istruzione e della formazione, per tutti i paesi dell’area del Mediterraneo” ha fatto sapere la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli.

Non mancherà il tema all’alternanza scuola-lavoro, parte centrale della riforma sulla “buona-Scuola” dell’ex governo Renzi.

“Vogliamo che Didacta Italia sia un evento internazionale di esposizione, ma anche di dibattito, in cui ci si confronti su innovazione tecnologica, nuove prospettive per l’educazione e la formazione, alternanza scuola-lavoro perché ci sono molte realtà che cercano di interpretare in molti modi diversi i cambiamenti educativi in atto. Per questo si parlerà anche di ambienti educativi, che passano dalla modalità trasmissiva a una data in the mento che rappresenta una rivoluzione copernicana, perché mette al centro lo studente” ci ha tenuto a sottolineare Giovanni Biondi, presidente di Indire.

“Grazie a questa fiera – ha commentato la vicesindaca di Firenze Cristiana Giachiil dibattito volto a favorire l’apprendimento diventa azione. La dimensione fieristica rappresenta il passaggio dal dibattito al coinvolgimento di tutti soggetti che concretamente creano le condizioni affinché le intelligenze da formare trovino il terreno più fertile”

Per l’assessore all’Istruzione della Regione Toscana Cristina Grieco “tutte le regioni parteciperanno a didatta Italia attraverso lo stand Tecnostruttura. Una partecipazione ampia perché si tratta non solo di una fiera, ma anche una grande occasione di riflessione, scambio e contaminazione, dunque di crescita per il sistema educativo e formativo”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0