Tempo di lettura: 1 Minuti

Bonus Cultura: i 500€ andranno anche ai classe ’99

Bonus Cultura: i 500€ andranno anche ai classe ’99

Ecco il Bonus Cultura 2017 con tante novità: scopriamole insieme! 18app è tornato! Il celebre Bonus Cultura di 500 euro è stato esteso anche a colo

18enne, al cinema ti ci manda l’Italia!
A scuola con…Alessandro Borghi
Domenica da Serie TV e Film del Caso: il nostro BestOf #37

Ecco il Bonus Cultura 2017 con tante novità: scopriamole insieme!

18app è tornato! Il celebre Bonus Cultura di 500 euro è stato esteso anche a

coloro che raggiungeranno la maggiore età nel 2017, ovvero i classe 1999. I neomaggiorenni avranno tempo fino al 30 giugno 2018 per richiedere il bonus tramite SPID e potranno usufruirne fino al 31 dicembre dello stesso anno.

Non è tutto però, ci sono alcune importanti novità riguardo ciò che potrà essere acquistato attraverso il bonus.

I ragazzi nati nel ’99 infatti, stando alla Legge di Bilancio 2017, oltre a libri, audiolibri, e-book e biglietti (o abbonamenti) per concerti, teatro, cinema, musei, danza, monumenti, parchi, fiere, festival e circhi, potranno sfruttare 18app per comprare anche DVD, CD e musica registrata, nonché corsi di musica, teatro e lingue straniere. Un’opzione che farà sicuramente felici i neomaggiorenni e scontenti i classe ’98.

A proposito dei ’98, fra tutti coloro che hanno compiuto 18 anni nel 2016 (circa 574mila), solamente 376mila si sono dotati di SPID, l’identità digitale necessaria per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione, tra cui anche il Bonus Cultura. Di questi, inoltre, soltanto 336mila si sono effettivamente iscritti a 18app.

Risultato: solo 50 milioni spesi sui 168 complessivi messi a disposizione. Insomma, ci si lamenta in continuazione del fatto che il governo non aiuti a sufficienza i cittadini, ma se poi quando prova a farlo non ne approfittiamo con chi ce la vogliamo prendere?

A questo punto stiamo a vedere se le novità introdotte rilanceranno 18app o se la pigrizia dei ragazzi la farà ancora da padrone. Certo, la possibilità di acquistare anche la musica farà gola a molti, ma forse dovremmo ricordarci che la cultura sta anche altrove, non solo nelle cuffiette del nostro I-Pod.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0