Tempo di lettura: 3 Minuti

Elezioni 2018: i programmi “anti-giovani”

Elezioni 2018: i programmi “anti-giovani”

Le Elezioni 2018 si avvicinano, ma i programmi non sono esattamente per i giovani. Le Elezioni 2018 si terranno il 4 marzo e già i social sono pieni

Perugia in crisi: bruttissime notizie per l’Università
Empoli: posti vacanti e nessuno che si fa avanti
Parma: fuorisede in festa, arriva la “Vetrina Alloggi”

Le Elezioni 2018 si avvicinano, ma i programmi non sono esattamente per i giovani.

Le Elezioni 2018 si terranno il 4 marzo e già i social sono pieni di dibattiti, video e continui battibecchi su chi abbia il programma migliore e più efficace. Si parla di lavoro, di pensioni, di reddito di cittadinanza. Ma anche di tasse, di assunzioni e di riforme; nessuna di queste, però, riguarda direttamente i giovani.

Pensiamo che a queste elezioni 2018 voterà anche qualche 2000. Nonostante le riforme da fare per i ragazzi sarebbero tante, dal diritto allo studio al contrasto del rincaro degli affitti, nessuno ci ha ancora pensato.

I ragazzi stanno vivendo una situazione quasi di emergenza, tra paura del futuro e un tasso di abbandono scolastico sempre più alto (ve ne avevamo parlato qui). È vero che si parla tanto di lavoro, ma niente di questo è diretto al lavoro giovanile. È vero anche che il tasso di disoccupazione tra i ragazzi sta diminuendo ma non siamo nemmeno all’inizio di una vera ripresa.

Pensate che nel programma del PD viene citata la parola “giovani” solo quattro volte, per non parlare della lista Noi con Salvini che non la nomina mai. Non dice nemmeno “giovani italiani”, pensate un po’. L’unico che sembra fare qualche passo avanti è Liberi e Uguali, dove uno o due esponenti hanno provato a mettere l’accento su qualche problema della nostra generazione. Ma insomma, se chiedessi in giro cos’è Liberi e Uguali immagino che pochissimi ragazzi saprebbero rispondere (Non me ne vogliate).

Potrebbe sembrarvi una cosa di poco conto ma le Elezioni 2018 saranno importanti per l’equilibrio del paese. Il capitolo giovani non è da sottovalutare soprattutto quando il tasso di NEET (coloro che non studiano e non lavorano) è del 26%, il che vuol dire che almeno 1 giovane su 4 tra i 16 e i 35 anni non studia e non lavora. #Malemale

(Però andate a votare)

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0