News Feed di Facebook, ora si cambia

News Feed di Facebook, ora si cambia

La società ha annunciato una nuova modifica della News Feed, che ora torna a essere privilegiante verso gli utenti. La News Feed è il cuore pulsante

Mete europee: ecco le 7 meraviglie per noi studenti!
5 validi motivi per tornare a scuola “col sorriso”
La Pasquetta secondo #FacceCaso

La società ha annunciato una nuova modifica della News Feed, che ora torna a essere privilegiante verso gli utenti.

La News Feed è il cuore pulsante di Facebook, e se qualcosa non gira come vogliono gli utenti lì, allora il social perde. Se ne saranno accorti a Menlo Park, dove si è stabilito un nuovo cambio di tendenza.
Se negli ultimi anni infatti gli algoritmi dei contenuti sulla piattaforma hanno mostrato sempre di più le pagine, i loro post e soprattutto i contenuti di chi sponsorizza ( ossia da soldi allo stesso Facebook ), questo ha avuto un suo contro altare.

Gli iscritti sono diventati sempre più passivi, sempre più clienti a cui servire pubblicità, profili pubblici e pagine in cerca di like. Sempre meno invece i pensieri, le foto e le condivisioni degli altri utenti, di nostri amici familiari. Che poi sono questi il reale motivo per cui davvero siamo su un social network, sapere cosa fanno, che pubblicano, che opinione hanno.
Però ci siamo distaccati, noi e quelli che ci circondano. Avendo sempre meno visibilità, siamo meno invogliati a passarci del tempo e vedere sulla news feed sempre i soliti video, le solite pagine. Nulla di concreto, di chi potremmo vedere dal vivo un’ora dopo.

Mark Zuckerberg ha detto: “Il nuovo News Feed darà la precedenza alle interazioni sociali sensate piuttosto che ai contenuti rilevanti”. Torneremo noi amici al centro della scena.
E nonostante in Borsa questa notizia non sia stata accolta benissimo, la direzione è stata presa.
“Quando lo introdurremo, vedrete meno contenuti pubblici come post delle aziende, dei brand o dei media. I contenuti pubblici che vedrete si atterranno allo stesso standard, che dovrebbe incoraggiare interazioni significative tra le persone”.

Aspettiamoci quindi un Facebook “rinato”.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0