Laureati? Secondo la Commissione molte più ragazze

Laureati? Secondo la Commissione molte più ragazze

Secondo la Commissione europea in Italia c'è una differenza di genere troppo forte tra i laureati. Le ragazze sono molte di più. La Commissione europ

Sgravi per assumere i giovani: cosa dice la Legge di Bilancio 2018
Giustizia fatta all’Università di Chieti: interdetti rettore e direttore generale
Nuovo feed per Instagram, cambia ancora

Secondo la Commissione europea in Italia c’è una differenza di genere troppo forte tra i laureati. Le ragazze sono molte di più.

La Commissione europea non è stata clemente con l’Italia, direi proprio per niente, (trovate la news qui). Ci ha bacchettato sui pochi laureati, sui pochi fondi, sulla lentezza delle istituzioni, su qualsiasi cosa insomma. Ma più di tutto ha messo in evidenza un problema importante: tra i laureati ci sono molte ragazze e pochi ragazzi.

Ma andiamo con ordine. Già le percentuali di laureati sono molto basse, lo sono ancora di più quando guardiamo alla fascia del sesso maschile. Le ragazze sono circa il 32% mentre i ragazzi si aggirano attorno al 19%. Avete capito bene, ai ragazzi piace molto meno arrivare ad una laurea.

Perché? In realtà è relativamente semplice e no, non c’entra nulla il fatto che probabilmente i ragazzi non sanno fare due cose contemporaneamente (Si scherza). Il problema sta nel fatto che per noi italiani la ricerca del lavoro vede un periodo di tempo molto più lungo rispetto ai coetanei europei. E la laurea è ancora meno attraente quando parliamo di stipendi, i laureati italiani guadagnano meno. Questo fa si che le lauree siano poche, tanto “chi me lo fa fare”. E invece no.

Non c’è solo questo problema, c’è anche quello dell’abbandono scolastico, che si differenzia tra maschi e femmine. I ragazzi, infatti, sono più propensi ad abbandonare la scuola rispetto alle ragazze con quasi sei punti di distacco, 17% contro 11%.

Ancora troppe disuguaglianze per la Commissione tra ragazzi e ragazze ma anche tra Italia ed Europa, un problema grave che dovremmo riuscire a risolvere al più presto. E no, non abbassando il numero di ragazze che si laurea, ma aumentando quello dei ragazzi, mi raccomando.

So che studiare non è facile, soprattutto quando trovare lavoro sembra la cosa più difficile al mondo, ma vi da qualcosa che nient’altro può darvi.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0