Tempo di lettura: 2 Minuti

Sicilia : i presidi si dividono a metà

Sicilia : i presidi si dividono a metà

Forse non ci rendiamo conto di cosa significhi esattamente dirigere due scuole. #FacceCaso. In Sicilia quest’anno una scuola su tre sarà costretta a

IQOS? Uno studio dice “no”!
Blue Whale, solo una grande bufala?
L’Università del Nord della Cina introduce il lancio della granata a mano

Forse non ci rendiamo conto di cosa significhi esattamente dirigere due scuole. #FacceCaso.

In Sicilia quest’anno una scuola su tre sarà costretta a condividere il preside. Sono stati pubblicati gli incarichi di reggenza conferiti ai presidi che si sono candidati a gestire più di una scuola.

Le reggenze affidate ai dirigenti scolastici per 500 euro in più al mese, sono ben sono 137. 

I presidi in questione dovranno gestire in totale 274 scuole, praticamente un terzo delle 850 esistenti nell’Isola.

“Nonostante l’impegno di accorciare i tempi del concorso a preside tenendo conto che servirà superare ancora una prova scritta, l’orale e un corso dirigenziale di formazione e tirocinio, avremo l’esito definitivo non prima dell’anno prossimo. In questo modo, il dato delle reggenze crescerà ancora per un altro anno. Questo ci preoccupa molto”. Ha fatto sapere Francesca Bellia, a capo della Cisl scuola regionale.

Forse non ci rendiamo conto di cosa significhi esattamente dirigere due scuole.

“Intanto significa raddoppiare tutti gli impegni istituzionali: collegi dei docenti, consigli d’istituto, contrattazioni con i sindacati e scrutini. Quest’ultimo è un momento delicato perché occorre predisporre calendari compatibili per essere presente a tutti gli scrutini. Naturalmente non si può presenziare a tutto, ma alcuni adempimenti non si possono delegare e occorre quindi essere presenti. Per fare andare avanti le cose, è necessaria la collaborazione del personale. Ma spesso, quando la scuola è sottodimensionata, non c’è neppure il segretario: anche in questo caso c’è un reggente. Una circostanza che triplica i problemi. La reggenza, poi, raddoppia le responsabilità che sono già tante in una sola scuola”. Ha Spiegato Anna Maria Catalano, preside del liceo scientifico Cannizzaro di Palermo.

Ma vi pare normale?

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0