Tempo di lettura: 2 Minuti

Instanteat: il primo menù sensoriale al mondo

Instanteat: il primo menù sensoriale al mondo

Immagina di poter vedere e sentire tutte le fasi di  preparazione di ciò che hai ordinato direttamente dal suo smartphone. Un sogno. #FacceCaso. Hann

Venerdì niente scuola: sciopero confermato
Edward Snowden ha fatto un’app
Together Price: la piattaforma per condividere gli abbonamenti in streaming

Immagina di poter vedere e sentire tutte le fasi di  preparazione di ciò che hai ordinato direttamente dal suo smartphone. Un sogno. #FacceCaso.

Hanno inventato il primo menù sensoriale al mondo. Sto parlando di Instanteat, un’app tutta nuova sviluppata da Irpinia e nata dall’idea di due italiani: il digital strategist salernitano Ciro Lorusso e Antonio Iannuzzi di Analist group.

Potrai scaricarla gratuitamente per vivere un’esperienza sensoriale del cibo che vuoi ordinare prima che il prodotto ti venga servito. Com’è possibile? Instanteat nasce con l’intento di ottimizzare i processi produttivi del settore gastronomico con la promessa di aumentare notevolmente il numero dei clienti.

Immagina di stare comodamente seduto al tavolo di un ristorante o pizzeria ed essere indeciso su cosa ordinare. Adesso immagina di poter vedere e sentire tutte le fasi di  preparazione di ciò che hai ordinato direttamente dal suo smartphone. Un sogno.

Grazie alla fotocamera del tuo cellulare e scansionando il QR code sul menù, seguirai la preparazione della tua ordinazione e di tutti i piatti e le bevande presenti sul menù digitale. Insomma, potremo dire addio al vecchio e noioso menù cartaceo. 

Usare l’app è facilissimo e l’interazione tra il cliente e il ristoratore stimola i potenziali acquirenti. I menù potranno essere personalizzati sui gusti del cliente, garantiscono un’enorme spinta pubblicitaria e facilitano la diffusione dei prodotti offerti.

Instanteat ha creato un nuovo modo di concepire la ristorazione e di offrire il proprio prodotto ai clienti. Cosa c’è di meglio che gustare, oltre al piatto, un’esperienza sensoriale del genere? 

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0