Tempo di lettura: 2 Minuti

Intelligenza artificiale per prevenire le stragi nelle scuole

Intelligenza artificiale per prevenire le stragi nelle scuole

Negli Usa un'intelligenza artificiale è riuscita ad evitare centinaia di suicidi e stragi nelle scuole. Gli utilizzi dell'intelligenza artificiale ne

Università milanesi: boom di iscritti ai test di Medicina, fra loro un 58enne
TUTTOFOOD 2017: Milano World Food Exhibition
“Ab-bracciata collettiva”: 1 e 2 aprile entra in acqua con noi!

Negli Usa un’intelligenza artificiale è riuscita ad evitare centinaia di suicidi e stragi nelle scuole.

Gli utilizzi dell’intelligenza artificiale nelle scuole negli anni continua ad assumere innumerevoli funzioni ( come ad esempio in cina) e negli Stati Uniti è diventata un rimedio contro le stragi.  Al momento i numeri sono più che positivi, ad oggi sembra che grazie alle IA siano riusciti a evitare 542 minacce di suicidio  e di aver impedito a 240 ragazzi di portare un’arma a scuola, come riportato dall’ ANSA. Potrebbe essere una grande soluzione per un problema che ha causato non poche vittime, ma ha un prezzo sulla privacy dello studente.

Come funzionano

Grazie ai test eseguiti da tre aziende statunitensi (tra cui la Bark e la Gaggle) sulle intelligenze artificiali ha portato ottimi risultati già nell’ultimo anno. Grazie ad un controllo dei messaggi inviati da ragazzi e ragazze delle scuole superiori sembra ci sia stata la possibilità di sventare ben sedici minacce di possibili stragi e di coprire 1100 distretti scolastici. Attualmente il numero approssimativo di ragazzi controllati si aggira intorno ai 2,6 milioni.
Bill McCullough, vicepresidente di Gaggle sostiene:

“Molti studi hanno mostrato che i ragazzi comunicano prima di un atto violento, e lo fanno per via elettronica.”

I costi, i pro e contro

Come riportato dall’ultima statistica di Repubblica (aggiornata nel 2018) ogni anno il numero di stragi e sparatorie negli usa è sempre crescente. Dal 2002  che ne conto cinque, a ben undici nei primi tre mesi del 2018. Nel 64,5% dei casi l’obiettivo dei killer era la scuola, dalle motivazioni che vanno dalla casualità alle vendette personali. Per un totale di 193 sparatorie all’interno di scuole primarie e secondarie con 129 morti e 255 feriti.
Il costo di queste IA varia dai tre ai nove dollari a studente e coinvolge per primi la scuola con i genitori e nei casi più estremi direttamente la polizia.
Naturalmente è un costo irrisorio in confronto a tutte le vite che possono trarne beneficio, ma nonostante ciò, questa “sorveglianza” è stata ritenuta invadente nella privacy dei ragazzi.

#FacceCaso

Di Dario Argenziano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0