Tempo di lettura: 1 Minuti

Scuola senza materie? Forse si può!

Scuola senza materie? Forse si può!

Si parla di scuola senza materie da un bel po'. Ma come si potrebbe realizzare concretamente? Italiano, matematica, storia. Tutte materie che ci hann

Grosseto: si va a scuola per tre ore, mancano i docenti
In Puglia c’è ancora chi aspetta la borsa di studio
La domanda che non vorresti mai ricevere: “Ma quando ti laurei?”

Si parla di scuola senza materie da un bel po’. Ma come si potrebbe realizzare concretamente?

Italiano, matematica, storia. Tutte materie che ci hanno accompagnato dal primo anno di elementari all’ultimo anno delle superiori. Ma con l’evoluzione della società, una domanda sorge sempre più spontanea, è realizzabile una scuola senza materie?

Forse sì, nonostante sembri impossibile. Molte volte si parla di questo argomento come di una provocazione, nonostante in alcuni paesi europei sia già una realtà, come in Finlandia.
Certo, la scuola italiana senza le sue materie di punta, come la letteratura, la storia e la storia dell’arte potrebbe andare completamente in crisi.

Dal Presidente ANP (Associazione nazionale dirigenti pubblici), in un’intervista fatta da Orizzonte Scuola, arriva un’idea da non sottovalutare. Lo studio della letteratura, per esempio, potrebbe essere associato al mondo della comunicazione a cui tutti tengono in questo periodo. Non bisogna solo studiare la vita e le opere dell’autore, ma anche vedere come questo autore utilizza le parole, come potrebbe mettere insieme delle frasi o dei concetti e la loro espressione.

Studiare in questo modo potrebbe aiutare i ragazzi ad aprire la mente verso il mondo di oggi. Dove l’utilizzo delle parole sta diventando la chiave di tutto. Anche l’economia dovrebbe avere un ruolo più ampio nella preparazione dei ragazzi, così come la tecnologia.

Diciamolo, dovrebbe essere impensabile che un ragazzo di 18 anni accenda il televisore e non capisca nulla di quello di cui si parla. Certo, sarebbe molto noioso parlare solo di spread e di debito pubblico, ma perché non inserire questi concetti all’interno della storia? Così da comprendere davvero come il mondo è arrivato ad essere quello che è.

E ancora, il clima. Il cambiamento climatico è qualcosa che riguarda tutte le materie, dalla chimica alla geografia. E allora perchè non sfruttare questi argomenti trasversali per una scuola “di mondo”?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0