Tempo di lettura: 3 Minuti

Cosa serve per poter migliorare nello studio ed essere più efficaci?

Cosa serve per poter migliorare nello studio ed essere più efficaci?

Lasciate perdere schemi, riassunti e registrazioni, le cose che servono per migliorare i risultati scolastici con un metodo di studio più efficace son

Laurea: 5 consigli per affrontare l’ansia da prestazione
In Italia Erasmus+ per professori è un vero successo!
L’Italia giovane ha fiducia nel futuro

Lasciate perdere schemi, riassunti e registrazioni, le cose che servono per migliorare i risultati scolastici con un metodo di studio più efficace sono altre e alcune non dipendono nemmeno da noi.

Non prendiamoci in giro, chi di noi non vorrebbe sapere cosa serve per poter migliorare nello studio ed essere più efficaci?
Come una sorta di ricetta: si prendono gli ingredienti, si buttano nel pentolone, si mischia e.. poof! Di colpo prestazioni migliorate e tempo guadagnato.

La voglia non basta(?)

Sicuramente non sarà mai cosi semplice, perché lo studio richiede voglia, determinazione, capacità e dedizione.
Esistono però degli studi che hanno notato degli elementi che possono modificare il rendimento scolastico e universitario.
Il principale e più dibattuto fattore determinante è l’ambiente sociale dello studente. I valori e gli interessi della famiglia, avranno sempre maggior influenza rispetto a qualsiasi altro impulso. Perfino lo pisologo sovietico Lev Vygotskij sosteneva che, l’apprendimento è un processo che si basa sul contesto sociale e culturale.

Fattori esterni

All’interno del contenitore sociale, sono presenti anche la provenienza e la situazione economica dell’individuo.

Dal Rapporto Nazionale del Programme for International Student Assessment, è emerso che gli studenti provenienti dalle regioni economicamente avanzate, ottengono risultati migliori.

Si è notato, inoltre, che più lo studente è agiato, più avrà la possibilità di stimolazioni extra scolastiche ed avere maggiori attenzioni da parte dei genitori riguardo i risultati, anche se ciò potrebbe rivelarsi controproducente.
Ad influenzare la riuscita o meno nello studio, incredibile ma vero, è soprattutto la frequentazione della scuola dell’infanzia: chi ne ha preso parte, ha una riuscita maggiore nelle competenze di 54 punti, mica briciole!

Altri rimedi

Elementi che possono incidere sui risultati in maniera negativa, però, possono essere le eccessive semplificazioni di alcuni libri e i pregiudizi che guidano qualche professore riguardo la veridicità dei concetti che devono affrontare. Tutto ciò aumenta la confusione nella testa dello studente. Per riportare ordine e concentrazione all’interno del nostro motore cognitivo, bisogna fare un salto in dispensa: ci sono cibi che migliorano le prestazioni mnemoniche e cerebrali. Tra i più utili troviamo le uova e la frutta secca, a seguire cioccolato fondente, spinaci e pesce azzurro.
Questi sono gli ingredienti, ora provate a buttarli nel pentolone e vedete se la magia riesce.

#FacceCaso

Di Tommaso Marsili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0