Tempo di lettura: 2 Minuti

Premio Mosca, super opportunità per aspiranti giovani curatori!

Premio Mosca, super opportunità per aspiranti giovani curatori!

Dalla collaborazione tra il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e il Ministero degli Esteri nasce il Premio Mosca, un'opportunità davvero va

Facoltà a numero chiuso? Ecco le date dei test!
In Kuwait per insegnare architettura: le parole di chi non tornerebbe mai in Italia
“Architetture sottili”, sedici progetti di giovani architetti

Dalla collaborazione tra il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e il Ministero degli Esteri nasce il Premio Mosca, un’opportunità davvero valida per i giovani curatori. In palio sei mesi di soggiorno nella Capitale russa!

Se siete dei laureati in materie umanistiche e artistiche e emergenti curatori italiani il Premio Mosca è senza dubbio un’occasione da non perdere. In palio un soggiorno di sei mesi a Mosca per approfondire le proprie conoscenze!

Chi può partecipare?

Per poter provare a vincere il premio finale i requisiti da soddisfare sono:

  • essere cittadini italiani nati dopo il 1985;
  • è necessario essere laureati in una delle seguenti facoltà: architettura, storia dell’arte, sociologia, filosofia, conservazione dei beni culturali o materie simili;
  • poter dimostrare di aver fatto per almeno tre anni un’attività curatoriale;
  • conoscere l’inglese e possibilmente il russo anche se quest’ultimo non è obbligatorio

Il super premio della prima edizione del Premio Mosca

Il Premio Mosca viene messo in palio da due Ministeri, quello degli Affari esteri e quello dei Beni Culturali (per sapere di più sui nuovi Ministri in carica leggi il nostro editoriale). In particolare le Direzioni generali che collaborano al progetto sono la “Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane” e la “Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese“.

In palio per i primi due selezionati, come ho preannunciato ci sarà in palio un soggiorno a Mosca di sei mesi per migliorare e approfondire le proprie conoscenze e capacità curatoriali. Inoltre, i fortunati potranno collaborare con la fondazione VAC.

Nello specifico il premio comprende:

  • Un biglietto andata e ritorno per Mosca;
  • un assegno da 18000 euro mensili per vitto e rimborso spese;
  • la copertura assicurativa per spese sanitarie, infortuni e incidenti.

Come partecipare

Tutte le informazioni pratiche e burocratiche su come inviare la propria domanda sono disponibili nel bando del Premio Mosca. Ma vi anticipo già che tipo di documentazione si renderà necessaria. In primo luogo, ovviamente, il curriculum (per non sbagliare nel redarre il curriculum ideale qui abbiamo riassunto dei consigli infallibili) e una lettera motivazionale. In seguito, sono richieste ben tre lettere di presentazione che devono essere redatte da esperti del mondo dell’arte e dell’architettura contemporanea.

Le scadenze!

Qui viene la parte più importante. Il bando è pubblicato sia nei siti dei ministeri sopra citati o nel sito della Fondazione VAC e le domande dovranno essere inviate entro il 12 luglio 2018. Mentre i nomi dei vincitori saranno pubblicati il 24 settembre 2018.

Come si sul dire… tentar non nuoce!

In bocca al lupo!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0