Tempo di lettura: 2 Minuti

Lontani da casa: Pasqua fuorisede edition

Lontani da casa: Pasqua fuorisede edition

Cosa vuol dire Pasqua fuorisede? Te lo racconto seduta dal mio divano di casa, che no, non è a Roma. "Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi", dice c

Accademia della crusca: troppo inglese
Studenti sempre meno scatenati, in calo gli infortuni
Colorful Balloons, il nuovo progetto segreto in Cina di Facebook

Cosa vuol dire Pasqua fuorisede? Te lo racconto seduta dal mio divano di casa, che no, non è a Roma.

“Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi”, dice così il vecchio detto vero? E vorrei dirti che per noi fuorisede non è esattamente così. Anzi. Dovrebbe essere “Natale con i tuoi e Pasqua fuorisede pure” perchè esattamente come le vacanze invernali, quelle pasquali prevedono l’esodo di tutti i ragazzi che vivono fuori verso le loro case.

Queste vacanze, però, sono un po’ diverse. Lo sono diventate, per esempio, quando noi nipoti siamo andati a studiare fuori, e qualcuno non tornava perché “i parziali erano troppo vicini”. E allora tutte le volte mia nonna si preoccupava del pranzo di Pasqua. Perchè puoi essere pure lontana ma ci sono cose che devi mangiare per forza. Come l’agnello, le uova e il pane benedetti e la pizza di Pasqua (e altre millecinquecento cose che non sto ad elencare).

La Pasqua, per i fuorisede, o almeno per me, vuol dire anche aprire l’uovo. Perchè forse è l’unico, vero regalo che ti fa sentire ancora un po’ bambina, quando non lo sei più da un pezzo. Eppure mia mamma continua a dirmi “Non lo mangiare tutto, perchè altrimenti ti fa male la pancia”.

La Pasqua poi ha un’altra tappa. Gli amici. Sì, l’anno scorso ti abbiamo raccontato di Pasquetta. Ma non è solo quello il momento per rivedersi tutti. Per me, ad esempio, lo è anche il sabato prima. Giorno tipico per i caffè con le amiche e per quel “comare” party che si aspetta più o meno da capodanno.

Pasqua è poi quella festività che ha le vacanze talmente corte (a parte quest’anno) che ti consentono di portare con te all’università gli avanzi di nonna. E la sera di Pasquetta, quando tutto torna alla normalità, in tutte le cucine di nonne di fuorisede si sente (magari in dialetti diversi): “ma che non metti in valigia anche questo?”

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0