Tempo di lettura: 1 Minuti

Estate degli studenti universitari: consigli per non per perdere tempo

Estate degli studenti universitari: consigli per non per perdere tempo

L' estate degli studenti universitari può essere affrontata in due modi: svagandosi o rimboccandosi le maniche. Sì, ma come? Ogni studente che si ris

Intervista a due giovani che sono partiti per un’esperienza di volontariato con Libera
Abbiamo attivato i Tirocini alla Sapienza x CFU!
Ai posteri l’ardua sentenza: i (nuovi) 24 crediti formativi

L’ estate degli studenti universitari può essere affrontata in due modi: svagandosi o rimboccandosi le maniche. Sì, ma come?

Ogni studente che si rispetti non vede l’ora che arrivi l’estate. Ma diciamoci la verità, questo momento di vacanza può rivelarsi una grandissima perdita di tempo o un’enorme risorsa. In questo articolo voglio dare qualche consiglio o qualche spunto per tutti coloro che decideranno di impiegare quest’estate per arricchire il proprio CV. Ecco come rendere l’ estate degli studenti universitari un’eccellente risorsa.

Dalla mia personale esperienza da studentessa universitaria ho notato come l’estate possa essere sfruttata in maniera intelligente. Certo, questo implica sacrifici e fatica, ma non solo. I miei “sacrifici estivi” sono sempre stati ripagati da grandi soddisfazioni.

Cerca uno stage: in Italia o all’estero!

Questi benedetti CFU in un modo o nell’altro dovranno pur essere ottenuti. Perché non sfruttare il periodo estivo per cercare uno stage o un tirocinio curricolare? Ma anche senza pensare necessariamente ai CFU, decidere di lavorare come stagista durante l’estate è sempre una buona idea. Vi dirò di più, unendo l’utile al dilettevole potrebbe essere interessante trovare uno stage all’estero. In questo modo si possono sfruttare i weekend, le feste e i momenti liberi per viaggiare ed esplorare posti nuovi.

Un consiglio: le camere di commercio italiane nel mondo sono sempre alla ricerca di stagisti!

Trovare la Summer School dei propri sogni

Anche l’opzione summer school non è niente male. Anche qui si può utilizzare la scusa dei CFU, infatti durante le Summer School si possono sostenere esami che solitamente vengono riconosciuti nelle università di appartenenza. Di opportunità ce ne sono tantissime e in tutto il mondo, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Inoltre si possono scegliere Summer School mirate: magari per approfondire un argomento utile ai fini della tesi oppure per scegliere un particolare corso che non è presente nella propria università.

Fare un’esperienza di volontariato

Il volontariato è sempre un’ottima scelta, vi avevo già spiegato qui perché avere almeno un’esperienza di volontariato nel proprio CV è fondamentale. Anche in questo caso si può scegliere di rimanere in Italia, optando per un campo di volontariato nel territorio nazione: e qui ne abbiamo di davvero interessanti. Un buon esempio sono i campi offerti da Libera (qui trovate un’intervista a due ragazzi che hanno provato questa esperienza), ma ce ne sono per tutti i gusti.

Per chi è più interessato a un’esperienza all’estero, anche in questo caso, ci sono così tante opportunità che non resta che mettersi alla ricerca di quello che più vi si addice. Cliccando qui troverete una serie di consigli sui campi di volontariato internazionali.

Trovare un lavoretto

Infine, un’altra opportunità è quella di cercare un lavoretto stagionale per raccimolare qualche soldino e rendersi un minimo indipendenti. Anche questo potrebbe essere un’ottima scusa per andare all’estero e perfezionare una lingua!

Ultimo consiglio: se volete che la vostra estate sia produttiva e vi renda orgogliosi dei vostri sforzi, è arrivato il momento di mettersi a cercare! Non riducetevi all’ultimo: i posti nei campi di volontariato, nei tirocini e nelle Summer School finiscono subito.

Siete pronti per la vostra “estate degli studenti”?!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0