Tempo di lettura: 2 Minuti

Pochi studenti? Iscritte 15 pecore a scuola!

Pochi studenti? Iscritte 15 pecore a scuola!

In un istituto elementare francese, nella regione dell’Alvernia – Rodano – Alpi, non distante dal confine italiano, arriva una notizia a dir poco sing

L’ Università del Piemonte riapre le iscrizioni e premia i più… veloci!
Dipartimento degli Studi Classici: la Howard University decide di cancellarlo
Tirocinio: offerta formativa all’Istat

In un istituto elementare francese, nella regione dell’Alvernia – Rodano – Alpi, non distante dal confine italiano, arriva una notizia a dir poco singolare: 15 pecore sono state iscritte a scuola per mancanza di alunni.

Immaginate un piccolo paese di campagna con pochi abitanti, moltiplicatelo per un sindaco un po’ preoccupato per i fondi scolastici e otterrete la cornice della simpatica vicenda. Questo è, infatti, quello che ha scatenato l’assurda proposta dei genitori protagonisti di questo episodio a base di…pecore!

Il sindaco del piccolo paesino francese Jean – Louis Marais, spinto dall’evidente mancanza di iscritti a scuola, ha deciso di tagliare le ore di lezione, riducendo così gli insegnamenti impartiti agli studenti.

(scopri il sistema scolastico francese)

“Troppi pochi alunni” è stata la motivazione del primo cittadino di Crêts – en – Belledonne.
Giustificazione, questa, assolutamente non accettata dalle famiglie dei bambini rimasti a casa.

Da qui, la geniale idea di riempire le classi con… pecore! Avete capito bene, per contrastare la decisione del sindaco tutti i genitori si sono riuniti e si sono presentati davanti all’edificio con i nuovi compagni di classe dei loro figli: una cinquantina di pecore.

Dopo lo stupore iniziale si è passati alla richiesta: se non ci sono abbastanza bambini da comporre una classe, saranno le pecore a prendere i posti vuoti.

Alla fine, chi di noi non vorrebbe un animale a quattro zampe come compagno di banco?! Ancor di più se è un esemplare ricoperto da morbido pelo sopra il quale ci si può appisolare tra un’operazione e un tema. Questo è sicuramente quello che hanno pensato questi genitori che, con convinzione surreale, hanno di fatto preteso l’iscrizione a scuola di 15 bovini, ottenendo il risultato. Il sindaco ha infatti registrato ufficialmente le pecore nella lista scolastica.

Beh giovany che dire… avete presente quando non riuscite ad addormentarvi e contate le pecore? Ecco, è giusto che anche le pecore imparino a contare gli umani!

#FacceCaso

Di Ludovica Sampalmieri

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0