Tempo di lettura: 3 Minuti

Valeria Cagnina, la “Ispiring fifty” da 90/100 alla maturità

Valeria Cagnina, la “Ispiring fifty” da 90/100 alla maturità

Il genio piemontese, scelta tra le "Ispiring fifty" italiane in ambito tecnologico, è andata "così così" alla maturità. Noi ci diciamo perché. Se non

Adottare un banco per difendere la scuola
Let’s study legge!
Fascetta celebrale: è cinese l’ultima invenzione per non distrarsi a lezione

Il genio piemontese, scelta tra le “Ispiring fifty” italiane in ambito tecnologico, è andata “così così” alla maturità. Noi ci diciamo perché.

Se non sapete chi sono le “Ispiring Fifty” ve lo diciamo subito. Sono imprenditrici, top manager, influencer, ricercatrici; qualunque donna si sia distinta durante l’anno appena trascorso nel campo della tecnologia. Donne forti, capaci, che sanno e sapranno condurre il paese direttamente nel futuro.
Donne geniali, in poche parole.

La storia

Tra le 50 risultate “ispiring” dall’ultima votazione, c’è anche lei: Valeria Cagnina. Piemontese di Alessandria, nata nel 2001, è tra le migliori 50 donne d’Italia in ambito tecnologico.

Un genio, e due.

Pensate, però, che Valeria alla maturità non ha preso 100. Non ha preso il massimo. Ma “solo” 90. Strano per un genio. Ma la spiegazione è presto data: troppe assenze.

Avevamo parlato con il provveditore agli studi”, raccontava la mamma Liliana un anno fa a “LaStampa”, “e ci aveva rassicurati. Anzi, c’era proprio un accordo. (…)poi abbiamo ricevuto la pegella con voti abbassati per via delle assenze. (Nonostante le assenze) mia figlia si è sempre presentata preparata, ha sempre studiato”.

Questo accadeva un anno fa.

La ragazza, che all’epoca frequentava l’istituto Volta di Alessandria, decide quindi, insieme con la famiglia, di cambiare scuola e si trasferisce al liceo Sella di Biella. Oramai però i crediti per ottenere il massimo sono andati, poiché i voti sono scesi per quel periodo.

Indi la decisione di provare la maturità da privatista e, infine, il tanto agognato esame con relativa votazione di 90/100. Intendiamoci, 90 su 91 ragazzi “sboccerebbero” bottiglie di champagne a gogo se solo potessero passare con questi voti la maturità.

Ma lei è quel piccolo 1 su 91, e la cosa cambia. E ormai è andata così. Ma sarà stato davvero così importante questo voto per Valeria? Si sarà strappata tutti i capelli il piccolo genio della tecnologia?

I voti contano poco, ma mi auguro che un ragazzo che inizia le superiori adesso non si faccia appiattire dalla scuola”.

Perché, senza dubbio, è un genio per davvero. Non solo nella robotica.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0