Tempo di lettura: 3 Minuti

Piccole università italiane: regna Pisa!

Piccole università italiane: regna Pisa!

Nella top ten delle migliori piccole università del mondo ben due sono italiane: la Sant'Anna e la Normale, entrambe con sede a Pisa. Anche in Italia

A Milano come a Hogwards: alla Faes Argonne parte il “Progetto Casate”
Un super metallo per una super edizione del TG USA 2.0
Matthew McConaughey? Ora fa il prof!

Nella top ten delle migliori piccole università del mondo ben due sono italiane: la Sant’Anna e la Normale, entrambe con sede a Pisa.

Anche in Italia abbiamo le nostre Oxford e Cambridge. Due autentici gioielli accademici che sono entrati nella top ten mondiale delle migliori piccole università (quelle con meno di 5mila studenti). Si tratta della Scuola Superiore Sant’Anna (4°) e della Scuola Normale Superiore (5°), entrambe con sede a Pisa. A dispetto dei nomi, sono entrambe storiche istituzioni universitarie, la cui eccellenza è nota nel mondo. E ora certificata.

La classifica è stata appena pubblicata dal Times Higher Education, uno degli osservatori più prestigiosi. In essa si tiene conto, oltre che delle dimensioni, dell’impegno in termini di didattica e ricerca speciale. Il punto di forza sta nelle condizioni vantaggiose per gli studenti, che approfittano delle classi più piccole per avere un rapporto più diretto con i docenti. Al contrario, nei grandi atenei il senso di appartenenza e di comunità è più difficile da vivere.

Il ranking, considera le università con meno di 5mila iscritti, che raggiungono i risultati più brillanti in termini di didattica e produttività scientifica. E la selezione finale viene fatta sulla base giudizi espressi dagli stessi studenti. Al vertice, come da aspettative, si piazza l’americana Caltech: l’istituto di tecnologia della California (quinto assoluto tra tutte le università del mondo). Ben 34 premi Nobel si sono laureati presso quell’ateneo. Secondo posto per il Politecnico di Parigi e terzo per la Pohang university, in Corea del Sud.

Quindi l’Italia si piazza ai piedi del podio. La Sant’Anna conta poco più di mille studenti e per accedervi bisogna superare un esame selettivo molto duro. Gli ammessi a frequentare, però, non hanno spese da gestire: il collegio è totalmente gratuito. La Normale, che conta un numero di iscritti di poco superiore, annovera tra i suoi ex studenti il poeta Giosuè Carducci, il senatore a vita Carlo Rubbia, il fisico Enrico Fermi, tutti e tre premi Nobel, e l’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Chiudono la top ten l’università di Lussemburgo, la Normale di Lione, l’Istituto di scienze e tecnologie di Ulsan (Corea del Sud), l’Ecole des Pont di ParisTech e la Jacobs university in Germania. In classifica, inoltre, si piazza anche un’altra piccola università italiana. Si tratta dell’Università di Bolzano, al diciannovesimo posto.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0