Tempo di lettura: 3 Minuti

Apre la prima Università della Farina Italiana ed è in provincia di Padova!

Apre la prima Università della Farina Italiana ed è in provincia di Padova!

Una novità tutta italiana per il mondo della gastronomia. Apre la prima Università della Farina Italiana, una vera opportunità per gli appassionati e

Hai detto sex toys? Scopriamo insieme Mysecretcase una startup davvero rivoluzionaria!
Tre mesi di stage a Calcutta durante la stagione dei monsoni. La mia incredibile esperienza
Agol crede in noi

Una novità tutta italiana per il mondo della gastronomia. Apre la prima Università della Farina Italiana, una vera opportunità per gli appassionati e per chi lavora nell’ambito gastronomico.

Quante ne sai sulla farina? Sai distinguere i cereali? Cosa sappiamo esattamente sui prodotti che ci mangiamo? L’Università della Farina Italiana nasce per mettere fine a tutti questi dubbi e far tacere falsi miti su uno degli alimenti principali della nostra cucina. Vediamo nello specifico di che si tratta.

L’Università della Farina Italiana

A partire dall’11 novembre 2019 a Vighizzolo D’Este, in provincia di Padova sarà possibile frequentare i corsi di questa nuova Università. L’idea nasce dall’azienda Molino Quaglia, produttori della farina Petra con l’intento di rendere giustizia a questo importante alimento. Si tratta di una scuola di specializzazione indirizzata soprattutto agli artigiani della farina, ai cuochi e agli esperti del settore. Un’occasione di specializzazione non indifferente, con docenti di spicco nel mondo della gastronomia italiana.

Una location molto “social”

I corsi (sia teorici che pratici) si terranno presso l’antico molino della famiglia Quaglia a Vighizzolo D’Este in provincia di Padova. La struttura dell’ex molino è stata ristrutturata e adattata allo scopo. Una interessante caratteristica della Scuola della Farina Italiana è che la struttura è stata pensata e adattata con moderni strumenti multimediali per rendere facile ed efficace la condivisione di quando avviene “in classe” con il mondo digitale. Insomma, sarà senza dubbio un’università trasparente e social!

Come funziona?

Entrando ora nello specifico dei corsi, questi saranno divisi in tre moduli diversi.

  1. Cereali e lieviti;
  2. La macinazione dei cereali;
  3. Comunicazione e story telling.

Ogni modulo della durata di 5 o 6 giornate, sarà composto di lezioni teoriche, ma soprattutto pratiche. Il termine “Università” associato a quella che potremo definire anche una scuola di formazione è posto proprio a indicare un metodo multidisciplinare e a 360° del corso. Inoltre, i docenti provengono da background che vanno dalla ricerca universitaria, al giornalismo, fino alla gestione della filiera alimentare.

Che ne dite? Vi piacerebbe prenderne parte?

Per informazioni più specifiche sui costi e tempistiche vi rimando direttamente al sito.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0