Tempo di lettura: 2 Minuti

Onlyfans, il modo facile e (soprattutto) sexy per fare soldi

Onlyfans, il modo facile e (soprattutto) sexy per fare soldi

Cool, facile e sexy: è Onlyfans. Molti sono i ragazzi e le ragazze che vendono le proprie foto sul portale. Ti va di partecipare? L'avete capito giov

Viaggiare online con Google Street View: Ecco 5 meraviglie da non perdere!
Maturità: le gaffe degli studenti
Inquinamento e ghiaccioli: l’arte a servizio del pianeta

Cool, facile e sexy: è Onlyfans. Molti sono i ragazzi e le ragazze che vendono le proprie foto sul portale. Ti va di partecipare?

L’avete capito giovany, oggi si parla di Onlyfans!

La crisi, pur difficile e faticosa che sia, fa sempre fiorire nuove attività nell’economia. Esempio pratico: nasce la lampadina, i produttori di carbone entrano in crisi, chi inizia a vendere lampadine svolta. Altro esempio: nasce youtube; ciao ciao televisione, o almeno in parte, e benvenuti nuovi intrattenitori. Poi youtube muore e arriva twitch ecc. ecc.

Morale della favola: se non ti adatti, crolli. Semplice, algido, giusto (?). E così è successo pure con il Covid19. Ha fatto fallire diverse aziende, più o meno piccole, così che sono stati in molti a doversi trovare un nuovo lavoro. Ad esempio, vendere le proprie foto sul web. In atteggiamenti più o meno hot. Su Onlyfans, una piattaforma nata appositamente per l’occasione.

Onlyfans

Mi sono decisa a farlo a settembre scorso”, racconta Sofia a Open. “Principalmente per soldi: se vivi a Milano, hai un affitto e uno stipendio medio, avere qualcosa da mettere da parte per stare più tranquilli non è facile. Ma in verità l’ho fatto anche perché non ho problemi con la sessualità, mi diverte e mi gratifica. Credo sia un lavoro come un altro”.

Secondo Sofia, c’è stato un boom di iscrizioni durante il lockdown, poiché “lockdown e pandemia hanno portato inizialmente un calo della libido. Poi però si è diffusa la volontà di provare altre forme di sessualità, meno scontate dei soliti video che si trovano sulle piattaforme patinate e costruite. C’era la voglia di entrare, anche solo virtualmente, in casa di qualcun altro. Si cercava qualcosa di più vero, di più intimo”.

Insomma, la crisi è crisi e crea nuovi lavori. Come il più vecchio-nuovo del mondo a quanto pare. E la domanda è sempre la stessa: vendere il proprio corpo è sbagliato, o “è mio e ci faccio ciò che mi pare”?

L’unica sicurezza vera è una: tutte le foto del tuo pene, che hai mandato gratis in giro per la penisola virtuale, potevano valere milioni !!!!!

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0