Tempo di lettura: 1 Minuti

Censura in Russia: gli anime sono troppo violenti per i giovany!

Censura in Russia: gli anime sono troppo violenti per i giovany!

Il tribunale di San Pietroburgo si è espresso decretando la censura di tre degli anime più famosi in circolazione (visti anche come i più violenti) D

Tik Tok, nuove misure per tenere i Giovany fuori dalla piattaforma
Skullbreaker Challenge: la nuova follia di massa arriva da TikTok
Galina Mursalieva racconta la “Blue Whale”: è lei che ne ha parlato per prima

Il tribunale di San Pietroburgo si è espresso decretando la censura di tre degli anime più famosi in circolazione (visti anche come i più violenti)

Dalla loro nascita, verso la fine degli anni Settanta, gli Anime sono spopolati diventando un cult della cultura giapponese: difatti si tratta di film d’animazione che hanno incantato diverse generazioni creando una vera e propria subcultura. Eppure, alcuni di essi vengono considerati come un pessimo esempio per i più giovani poiché troppo violenti data la presenza di pluriomicida: sembrerebbe questa la premessa della censura, partita dal tribunale di San Pietroburgo.

Di fatti, il 20 Gennaio, in Russia è stata decretata la censura assoluta di tre anime, considerati come i più famosi in circolazione: Death Note, Inuyashiki e Tokyo Ghoul.
Chissà come l’avrà presa Light Yagami, e se al momento si senta ispirato da qualche particolare nome e/o volto…

In realtà, l’insofferenza è nata nel 2013, quando una ragazzina russa si è suicidata ed il movente è stato associato alle 4 copie del manga di Death Note, ritrovate nella sua stanza.

Insomma, si punta il dito contro la filmografia e la bibliografia che tenderebbe a trasportare i più giovani all’emulazione di atteggiamenti “antisociali”, mentre adesso la rotta sembra essersi invertita verso i social network.

Difatti, secondo i recenti fatti di cronaca, una bambina di 10 anni è morta emulando la “Black Out Challenge” su Tiktok che consisteva nel legarsi una cintura al collo e portarsi al soffocamento.

Niente di nuovo in realtà, ricordiamo il fenomeno della Blue Whale, risalente al 2016, che portava i ragazzi a compiti “autopunitivi” ed infine al gettarsi dal balcone.

Così, mentre prima si dava la colpa ai videogiochi, nonostante sia stato dimostrato che questi aumentano semplicemente l’irascibilità e la competizione e che solo i ragazzi inclini moralmente alla violenza tendono all’emulazione, adesso vi si scaglia contro i media.

Il concetto di base è sempre lo stesso:

l’emulazione, ma non sarebbe il caso di educare i più piccoli a distinguere maggiormente la realtà dalla finzione? E soprattutto, non sarebbe meglio incitare i ragazzi al pensare con la propria testa e non lasciarsi trasportare dai media?

Piuttosto che dare la colpa ai film ed ai social network, forse si dovrebbero preparare adeguatamente i giovani a questo nuovo mondo che si prospetta loro, e a educarli al meglio all’uso di internet, che il semplice divieto probabilmente non basta…

#FacceCaso

Di Alessia Sarrica

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0