Tempo di lettura: 3 Minuti

5 motivi per cui Una Pezza di Lundini ha rivoluzionato la tv in Italia

5 motivi per cui Una Pezza di Lundini ha rivoluzionato la tv in Italia

La nostra recensione del programma comico di Rai 2 by Valerio Lundini che ha spopolato sui social e cambiato il modo di fare intrattenimento in Italia

Lifestage è sempre più vicino!
Scuole nel Lazio: il 20% degli istituti non riapre il 14. Annamo bene…
Spaghetti Talk: due domeniche di musica e chiacchiere sull’anno che verrà

La nostra recensione del programma comico di Rai 2 by Valerio Lundini che ha spopolato sui social e cambiato il modo di fare intrattenimento in Italia.

Valerio Lundini, classe 1986, è un comico romano che da settembre a gennaio 2021 ha condotto su Rai 2 un programma in seconda serata che ha riscosso un successo strepitoso soprattutto tra i Giovany: “Una Pezza di Lundini”.

Nasce proprio per “mettere una pezza” al palinsesto immaginario di un canale TV che si trova a dover sostituire un buco con il primo conduttore disponibile, appunto l’impacciato Valerio. Tutto inizia con la bravissima e ironica attrice di teatro Emanuela Fanelli, la spalla di Lundini in tutto il programma, che annuncia che il programma previsto inizialmente non potrà andare in onda e che al suo posto ci sarà “Una pezza di Lundini”. Valerio dovrà barcamenarsi nell’impresa impossibile di condurre venti minuti circa di programma senza sapere bene che fare e cosa dire.

Noi abbiamo elencato 5 motivi per cui “Una pezza” è diverso da tutti gli altri programmi TV in Italia e per i quali ci è piaciuto tantissimo, eccoli!

  1. Tantissimi ospiti, da Carl Brave a Caterina Guzzanti, passando per Alessandro Borghi, Nino Frassica e Luis Sal che si sono prestati ad appoggiare il conduttore in conversazioni improbabili e nonsense, senza mai scadere nel banale.
  2. L’obiettivo di Lundini, come dichiarato più volte in varie interviste era quello di ricreare un programma che fosse il più “televisivo” possibile, nel senso classico del termine. Poi però il tocco dell’attore, che si manifestava inconsciamente, ha contribuito a renderlo pieno di momenti “cringe”, attimi di comicità surreale, silenzi imbarazzanti e politicamente scorretto. Valerio dichiara più volte di aver inserito cose che facevano ridere “solo me e i miei amici” ma che a quanto pare divertono un sacco di Giovany che hanno pubblicato e condiviso le famosissime gag del programma sui social.
  3. Un altro elemento interessante è quindi proprio il fatto che nonostante si tratti di un format televisivo, un mezzo che molti Giovany non considerano come modo per intrattenersi, le brevi scenette sono perfette per stare nello spazio di un post di Facebook o in una IGTV. Così che, nonostante l’orario scomodo e la piattaforma su cui andava in onda (quella TV così estranea alla GenZ), il programma ha riscosso un successo enorme, complice anche il fatto che la pagina Instagram di Lundini fosse già seguitissima.
  4. Emanuela Fanelli. La spalla di Valerio. Attrice di teatro che rappresenta l’arte e il teatro “impegnato”, simpaticissima e ironica nella sua romanità in “A piedi scarzi”, uno dei tormentoni del programma, parodia di una pellicola di alto livello.
  5. Lundini non fa “satira”, nel senso politico del termine. Butta giù tutti i luoghi comuni, il buonismo e i clichè a cui siamo abituati in maniera sottile ed elegante, come nessuno aveva fatto prima di lui. Nonostante a qualcuno possa non piacere noi abbiamo riso tantissimo durante tutti i 20 minuti delle numerose puntate!!

#FacceCaso

Di Beatrice Offidani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0