Tempo di lettura: 3 Minuti

Non-Fungible Token (NFT): la blockchain scuote il mercato dell’arte

Non-Fungible Token (NFT): la blockchain scuote il mercato dell’arte

Avreste mai pensato che un video possa essere messo all'asta e venduto per oltre sei milioni di dollari? Se è un Non-Fungible Token, è possibile! Il


Marina: l’app che ti fa risparmiare su ombrellone e lettini
Uno sguardo artistico: mostra dell’arte impressionista a Roma
Gli studenti della scuola di Skoda disegnano Element Concept

Avreste mai pensato che un video possa essere messo all’asta e venduto per oltre sei milioni di dollari? Se è un Non-Fungible Token, è possibile!

Il mercato delle opere artistiche è in subbuglio per l’esplosione degli NFT, Non-Fungible Token. File digitali certificati tramite blockchain, quindi pezzi unici e… di valore! Ma andiamo con ordine.

La blockchain è una struttura dati condivisa e immutabile, un registro digitale le cui voci sono raggruppate in blocchi concatenati e ordinati cronologicamente. Il suo contenuto, poiché condiviso e verificato da tutti i nodi (server) che la compongono, è immutabile. Non potrà mai andare perso perché tutti coloro che ne contribuiscono hanno una copia, e non è possibile modificarlo.

Questa tecnologia, qui semplificata, è il fondamento delle criptovalute, come il bitcoin, e ne registra tutte le transazioni. Trasparente, affidabile e decentralizzata, la blockchain è considerata una rivoluzionaria alternativa a tutti i registri (finanziari e non) centralizzati e corruttibili.

La blockchain può verificare inequivocabilmente una transazione e/o un oggetto virtuale: questo permette di rendere un semplice video un Non-Fungible Token, ovvero un file digitale unico, certificato e tracciabile sulla blockchain di Ethereum.

Gli NFT potranno essere usati per risolvere una serie di problemi legati alla tutela delle opere digitali e alla loro distribuzione e riproduzione non autorizzata. Tramite blockchain sarà possibile identificare l’opera digitale, tutte le transazioni che l’hanno interessata nel tempo e risalire al proprietario. Banalmente, questo sistema potrebbe contrastare la pirateria di musica e film, o dare valore ad opere come i videoclip musicali.

Questi Non-Fungible Token, come veri pezzi da collezione, possono essere messi in vendita. Alcuni esempi? Un NFT raffigurante un dipinto incenerito di Bansky è stato venduto per quasi 400mila dollari. Una raffigurazione di Trump nudo accasciato a terra, riferito al ban dopo i fatti di Capitol Hill, per 6,6 milioni.  L’NBA ha realizzato una collezione di NFT con giocate di alcune partite: parte di questi token sono venduti a 250mila dollari al pezzo. Jack Dorsey, fondatore di Twitter, ha messo all’asta il suo primo tweet come NFT, superando 2,5 milioni di dollari.

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0