Tempo di lettura: 3 Minuti

Yahoo Answers chiude: ascesa e declino di un pilastro del web

Yahoo Answers chiude: ascesa e declino di un pilastro del web

Il noto portale Yahoo Answers sta chiudendo i battenti. Segnando un'epoca del web, ha aiutato (e fatto divertire) molte persone. È inevitabile ormai,

La musica 8D è il fenomeno del momento! Ecco cos’è e perché tutti ne vanno pazzi
Concorso scuola: gli insegnanti non dovranno sbagliare regione!
Sale subito o quando l’acqua bolle?

Il noto portale Yahoo Answers sta chiudendo i battenti. Segnando un’epoca del web, ha aiutato (e fatto divertire) molte persone.

È inevitabile ormai, Yahoo Answers chiuderà. La piattaforma nata nel 2005 non sarà più disponibile dai prossimi giorni, così come tutte le domande (e le risposte) contenute al suo interno. Chi le cercherà sarà reindirizzato alla homepage di Yahoo.

Il portale ha ricoperto un ruolo chiave nella diffusione e democratizzazione dei contenuti sul web. L’idea di base era la creazione di una grande community che condividesse la propria conoscenza con gli altri utenti. Quando Wikipedia e i social network non esistevano ancora. Bastava registrarsi e il profilo era già attivo, pronto per formulare domande e aiutare con risposte.

Yahoo Answers è rimasto fedele a sé stesso negli anni, con la grafica quasi immutata fino ad oggi. Alla sua nascita era disponibile solamente in inglese, ma il successo fu tale che venne reso disponibile in tutto il mondo, decretando l’affermazione di Yahoo.

Tutti gli utenti potevano contribuire alla discussione e si poteva chiedere di tutto, da consigli informatici a riassunti di versioni di latino. Chi era più attivo acquisiva dei punti e aumentava di livello. L’assenza di moderatori è diventata la peculiarità della piattaforma. L’assurdità di alcune domande e di alcune risposte hanno reso Yahoo Answers un cult di internet negli anni.

Dal 20 aprile 2021 sulla piattaforma non è possibile porre nuove domande, l’archivio digitale rimarrà disponibile fino al 4 maggio, dopodiché l’oblio digitale. Fino al 30 luglio, invece, gli utenti potranno richiedere e scaricare una copia dei propri dati presenti su Yahoo Answers.

Il principale motivo che ha condotto la società a questa drastica decisione è il calo di popolarità degli ultimi anni e la spietata concorrenza dei social. Oggi ci sono servizi dedicati come Ask.fm, i tutorial di WikiHow che rispondono quasi a tutto. Addirittura, Instagram dà la possibilità ai suoi utenti di creare sondaggi, porre domande ai seguiti e rispondere ai propri followers.

Addio, Yahoo Answers!

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0