Tempo di lettura: 3 Minuti

Filtro, filtro delle mie brame: chi è la più bella del reame?

Filtro, filtro delle mie brame: chi è la più bella del reame?

Come ben sanno i veterani di Instagram, l’accoppiata ‘filtro + posa’ è vincente per un post. Attenzione però a non credere troppo a quello che vediamo

Il festival universitario passato per pericolosa adunata sovversiva
L’Isis, dalle origini agli ultimi attentati: il quadro completo
Anche ad Ancona scandalo a “luci rosse” in un liceo

Come ben sanno i veterani di Instagram, l’accoppiata ‘filtro + posa’ è vincente per un post. Attenzione però a non credere troppo a quello che vediamo.

In rete troviamo un’ampia gamma di filtri e in migliaia si divertono ad usarli. Alcuni vogliono essere simpatici, altri ‘perfezionanti’. Ce un filtro che mima il fondotinta, uno che ‘infoltisce’ le ciglia e tanti altri. Come se non bastasse, certe celeb neanche ‘avvisano’ di usarli, dando così agli utenti l’impressione di essere perfette naturalmente.

Negli ultimi tempi si è sollevata molto la questione della ‘body positivity’ e di come l’uso eccessivo del photoshop da parte di magazines e pubblicità distorca l’immagine del proprio corpo che molti giovani hanno di sé. Soprattutto su app come Instagram, è infatti facile apparire in un modo quando nella realtà si è diversi. A riprova di quanto siano invasivi certi pensieri, proprio su IG esistono centinaia di pagine che mostrano i ‘trucchi del mestiere’, svelando come posare per sembrare più alte o con la vita più sottile.

Non a tutti però piace questa cultura dell’apparire. Prima tra tutti Danae Mercer, che ha lanciato l’hashtag #InstagramVsReality. L’influencer ha 33 anni e sul suo profilo Instagram troverete tutti i post con almeno due foto: una in posa e l’altra ‘al naturale’. La differenza è sostanziale e fa capire a colpo d’occhio quanto siano studiati anche scatti che non lo sembrano. Le descrizioni dei post spesso e volentieri sono un inno all’amarsi così come si è e al capire che non si può essere come le modelle sulle riviste perché persone così non esistono, sono tutte ritoccate.

Quindi, Giovany, non fatevi prendere dall’angoscia di non essere come i ragazzi che vedete su Instagram. Con questo non vi voglio spingere a non fare attività fisica e mangiare bene: volersi migliorare è una cosa positiva. Ma fare la fame per non avere la cellulite è semplicemente irrealistico.

#FacceCaso

Di Lucia Lazzarini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0