Tempo di lettura: 1 Minuti

Se uno dei genitori non vuole, niente foto di minori sui social

Se uno dei genitori non vuole, niente foto di minori sui social

Il genitore ha tutto il diritto di chiedere e ottenere dal giudice di inibire la pubblicazione delle immagini e far cancellare quelle già online. #Fac

Vento di novità nella Scuola italiana: ecco la situazione dei docenti
Palermo, negare la Shoah…ma come se fa?
Francesca Torelli è la nuova consigliera di fiducia dell’Università degli studi di Brescia

Il genitore ha tutto il diritto di chiedere e ottenere dal giudice di inibire la pubblicazione delle immagini e far cancellare quelle già online. #FacceCaso.

Il Tribunale di Mantova ha stabilito che non si possono pubblicare le foto dei figli minori sui social se uno dei genitori non è d’accordo.

Il genitore ha tutto il diritto di chiedere e ottenere dal giudice di inibire la pubblicazione delle immagini e far cancellare quelle già online.

“L’inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi in quanto ciò determina la diffusione delle immagini fra un numero indeterminato di persone, conosciute e non, le quali possono essere malintenzionate e avvicinarsi ai bambini dopo averli visti più volte in foto online”. Ha spiegato il giudice.

Una coppia separata con due figli molto piccoli affidati alla madre, è stata protagonista di una vicenda che ha fatto discutere.

La mamma si era impegnata a non pubblicare le foto dei bimbi sui social e a rimuovere quelle già online. Tuttavia, non lo ha fatto: ha cancellato quelle pubblicate in precedenza, ma poi ne ha postate delle altre. Così l’ex marito ha deciso di fare ricorso.

Il Tribunale le ha dato torto. Il comportamento della donna viola il diritto all’immagine e alla riservatezza dei bambini, e anche la convenzione di New York sui diritti del fanciullo.

Un altro pericolo che si riscontra in rete, è quello della “condotta di soggetti che ‘taggano’ le foto online dei minori e, con procedimenti di fotomontaggio, ne traggono materiale pedopornografico da far circolare fra gli interessati, come ripetutamente evidenziato dagli organi di polizia”.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0