Tempo di lettura: 3 Minuti

Animali Fantastici 2, tra botteghino e perplessità

Animali Fantastici 2, tra botteghino e perplessità

Animali Fantastici, i crimini di Grindelwald, secondo capitolo della saga sta avendo grande successo al botteghino. Eppure le critiche su come sia rea

Dieci lavori per guadagnare tanto (e studiare poco)
Il mistero dei suicidi all’università di Bristol
Da oggi per insegnare bisognerà acquisire conoscenze pedagogiche: la decisione del Miur

Animali Fantastici, i crimini di Grindelwald, secondo capitolo della saga sta avendo grande successo al botteghino. Eppure le critiche su come sia realmente arrivano da più parti.

Una cosa è indubbia, questo secondo capitolo della saga di Animali Fantastici sta avendo un gran successo, quantomeno al botteghino dove sia negli Stati Uniti che in Italia sta avendo un exploit di numeri, ricevendo un bel consenso di pubblico.
C’è però un “lato oscuro” dietro l’essenza da box office. Le critiche ci sono, molte e non positive, tanto che anche i fans hanno cominciato a segnalare parti del film secondo cui non funzionano dei meccanismi.

C’è chi riferisce a scene che non funzionano, chi parla di alcune incoerenti rispetto a quelle dei libri, altri che la trama non sia realmente fondamentale e che abbia troppi punti deboli. Questo è un pericolo, per il futuro, dato che mancano ancora tre film alla conclusione. Altri parlano invece di sceneggiatura troppa spinta a far rientrare parti e trame.

C’è chi poi parla di un eccessivo spostamento della trama dal protagonista di Newt Scamander allo scontro di Albus Silente e Grindelwald.
Ci sono anche contraddizioni, come la presenza di Minerva McGrannit, che però sarebbe nata nel 1935, mentre la scena è del 1927.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0