Tempo di lettura: 3 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di nudda

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di nudda

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è nudda a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo album. Esc

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album dei Dejawood
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di wLOG
Caravelle torna con un nuovo singolo: Hawaii è quel mix tra leggerezza e introspezione

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è nudda a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo album.

Esce venerdì 7 ottobre “vedo il mondo un po’ sfocato”, il debut album di nudda per talentoliquido, realtà multiforme e cross-inclusiva che cura a 360 gradi la musica “fluida” di giovani artisti emergenti.

Nottate insonni, risvegli con gli occhi rossi e gonfi di lacrime, paura, solitudine, paranoie e insicurezze: “vedo il mondo un po’ sfocato” è un viaggio in 8 tappe nell’universo più intimo di nudda, fatto di segreti e confessioni racchiuse nei testi introspettivi, nei sintetizzatori fluttuanti, nelle basi taglienti in stile 808s.

Noi eravamo curiosi e volevamo sapere qualcosa di lei, come sempre siamo partiti dal suo percorso scolastico.

Questo è un sito dedicato agli studenti, quindi non possiamo non iniziare col chiederti qualcosa riguardo il tuo percorso scolastico. Com’è andata?
Malissimo ahah!! Mi sono fermata al quinto anno di liceo. Mi sono poi dedicata a 360° alla musica.

X-Factor sembra una tappa obbligata per ogni artista emergente. Quale ritorno ti è arrivato da quell’esperienza? La rifaresti?
Inizio dicendo che sicuramente la rifarei, sia per l’aver conosciuto mondi musicali diversi dal mio e sia perchè mi ha portato tante altre cose. In primis, ho conosciuto il team con cui lavoro tuttora, la mia produttrice rebtheprod e la mia etichetta talentoliquido, di cui sono felicissima.

Dici che questo album è stato come uno sfogo per te. In relazione a cosa? E come stai in questo momento?
La musica da sempre è stato il mio strumento preferito per esprimermi ed esprimere le mie emozioni. Questo album quindi parla di tanti momenti della mia vita in cui magari non ho avuto le parole giuste o che mi hanno portato a riflettere e la nascita di queste tracce è un po’ la risposta a tutti questi momenti. Ora sono molto emozionata e carica per l’uscita di questo album e sono già proiettata alle sorprese che ci saranno dopo.

Quali sono i tuoi ascolti più recenti che più ti hanno influenzata?
Sto ascoltando davvero molta musica ultimamente, anche nuova rispetto ai miei soliti ascolti. Direi che tra i nomi che ho scovato in questo periodo quelli che meritano più menzione sono i The 1975, Cigarettes After Sex e The Weeknd.

Hai studiato anche musica? Si può fare musica senza studiarla?
Si, ho “studiacchiato” piano, chitarra e canto… e si, secondo me si può fare musica senza studiarla.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0