Tempo di lettura: 3 Minuti

A Napoli il primo centro di sviluppo app in Europa

A Napoli il primo centro di sviluppo app in Europa

Un progetto della Apple per formare gli studenti alla programmazione iOS. Di Stefano Di Foggia Il progetto è quello di fornire agli studenti le compet

Trump? Agli studenti USA non piace proprio…
Instagram vale un patrimonio
Cerchi lavoro? Tranquillo, c’è l’ONU

Un progetto della Apple per formare gli studenti alla programmazione iOS.

Di Stefano Di Foggia

Il progetto è quello di fornire agli studenti le competenze specifiche e la formazione necessaria per lo sviluppo di applicazioni per iOS.

“L’Europa è la patria di alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo e siamo entusiasti di aiutare la prossima generazione di imprenditori in Italia ad acquisire le competenze necessarie per avere successo” dice Tim Cook, Ceo di Apple. “Il fenomenale successo dell’App Store è una delle forze trainanti dietro gli oltre 1,4 milioni di posti di lavoro che Apple ha creato in Europa e presenta opportunità illimitate per le persone di tutte le età e aziende di ogni dimensione in tutto il continente”.
Il Centro di sviluppo App iOS sarà situato in un istituto partner a Napoli, “fornirà un indirizzo specialistico preparando migliaia di studenti a far parte della fiorente comunità di sviluppatori Apple” e “l’azienda lavorerà con partner in tutta Italia che forniscono formazione per sviluppatori, per completare il proprio curriculum e creare ulteriori opportunità per gli studenti. Apple prevede di ampliare questo programma estendendolo ad altri paesi a livello mondiale”.

Dunque l’accordo c’è ma il lavoro è appena cominciato. Proprio martedì, infatti, in un incontro tra i delegati Apple e i rappresentanti di alcuni atenei campani, sono stati discussi i primi dettagli.
Per prima cosa, la Federico II di Napoli sarà alla guida del progetto. Per quanto riguarda la sede sembra ormai definitiva la scelta del polo tecnologico di San Giovanni a Teduccio.

Il rettore della Federico II, Gaetano Manfredi, ha commentato: “L’azienda di Cupertino ha deciso di cionvolgere tutti gli atenei campani perchè qui, con oltre 150mila iscritti, il bacino di studenti è ampio. La Apple è interessata a ‘prendere’ i nostri giovani talenti. Siamo alla vigilia di una grande opportunità per Napoli e la Campania”.

In effetti i numeri sono incoraggianti, la Apple promette di rimanere in Italia per i prossimi 5 anni e ogni anno si augura di coinvolgere circa 600 giovani. Tutti i partecipanti verranno dagli atenei coinvolti, selezionati con criteri ancora da definire, e saranno formati dai professori della Federico II e dagli esperti Apple. Anche i docenti saranno a loro volta formati da specialisti dell’azienda. I ragazzi, inoltre, verranno sostenuti da borse di studio messe a disposizione dalla multinazionale. La formazione non è destinata solo agli ingegneri o agli informatici ma saranno coinvolti anche altri esperti.

I dettagli della partecipazione dei singoli atenei sono tutti da definire ma ci sono ottime previsioni per il futuro.

Di Stefano Di Foggia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0