Tempo di lettura: 2 Minuti

Melania Trump: che first lady sei? Il suo discorso copiato da Michelle Obama

Melania Trump: che first lady sei? Il suo discorso copiato da Michelle Obama

Alla Convention repubblicana di Cleveland la clamorosa gaffe: l’intervento della moglie di Trump risulta un plagio del discorso pronunciato dall’attua

Primo Maggio, il Presidente avverte la necessità di dedicare ai giovani il suo discorso
Donovan Livingston: il ragazzo prodigio che voleva spiccare il volo
Laurea: 5 consigli per affrontare l’ansia da prestazione

Alla Convention repubblicana di Cleveland la clamorosa gaffe: l’intervento della moglie di Trump risulta un plagio del discorso pronunciato dall’attuale first lady, nel lontano 2008.

“Bring back my speech!”. E come non dare ragione al meme di Michelle Obama, soprattutto dopo il confronto/montaggio fatto tra le sue parole e quelle della bella Melania Trump.

Riavvolgiamo il nastro: ieri a Cleveland si è aperta la convention del partito Repubblicano, che incoronerà con i super delegati Donald Trump candidato conservatore contro la Clinton. Come da tradizione si sono susseguiti vari interventi dei principali esponenti del partito, oltre al candidato ( one man show come solo lui sa essere ) e ovviamente il supporto della famiglia, in questo caso la moglie Melania, con un discorso che ha suscitato tutte le polemiche citate.
Prima ci sono stati dubbi, poi quando sono stati confrontati, la gaffe è venuta fuori, ossia due discorsi quasi identici, in occasioni molto simili! Infatti Michelle Obama aveva pronunciato quelle parole durante la convention democratica che lanciò il marito nel 2008.

Ovviamente la difesa dello staff di Trump non si è fatta attendere: “La sua esperienza di immigrata e il suo amore per l’America sono emersi nel suo discorso”, ha detto il portavoce di Trump, Jason Miller, “nello scrivere il suo splendido discorso, il team di scrittori di Melania ha considerato quello che è stato fonte di ispirazione nella sua vita e in alcuni passaggi ha incluso frammenti che riflettono il suo pensiero”.
Certo, possiamo credere nella buona fede della signora T, ma non penso che suo marito avrà molta fatica nel licenziare chi nel suo personale ha creato questo “danno” d’immagine!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0