Tempo di lettura: 3 Minuti

L’estate precaria: meno vacanze per tutti

L’estate precaria: meno vacanze per tutti

Pochi soldi, tanto lavoro e vacanze ridotte: è sempre più evidente come questo sia il vero mood dell’estate 2k16. Una volta si cantava “tutti al mare,

Valle d’Aosta, gli adattamenti alla “Buona Scuola” verranno modificati
USA, miliardario paga università agli studenti
Il prof che rinunciando a tutti i risparmi ha fatto studiare i suoi ragazzi

Pochi soldi, tanto lavoro e vacanze ridotte: è sempre più evidente come questo sia il vero mood dell’estate 2k16.

Una volta si cantava “tutti al mare, tutti al mare, a mostrar le chiappe chiare”, adesso, da nord a sud, l’unica caratteristica ricorrente di questi mesi, che dovrebbero essere vacanzieri, è viaggi al minimo, tanta città e tutti a lavorare.

Penso di non essere l’unico ad aver notato una cosa: le città dello stivale ad Agosto sono affollate come non mai, e nulla ha a che vedere con eventuali climi autunnali, perché la situazione non varia neanche dove si registrano temperature torride.
Poi osservando le spiagge e altri luoghi di villeggiatura, ci si accorge come i turisti siano sempre più sfuggenti, quasi volanti, nel senso che una settimana ( se non un giorno ) li vedi, quella dopo no.
I nonni e i genitori raccontano di una nazione gaudente, dove famiglie gigantesche ( altro che i nuclei ridotti di oggi ) passavano interi mesi tra litorali e campagne. E allora sì che capisci come i tempi siano cambiati, se non stravolti.
La soluzione adesso è lavorare il più possibile, viaggiare il giusto, uno massimo due settimane, ovviamente ai prezzi più ragionevoli. Qual è a questo punto la meta giusta? Il paese d’origine, se si riesce a creare un itinerario abbordabile, sennò agriturismo, oppure riducendo il periodo ancora di più una città europea.

“La disuguaglianza è vedere un uomo nello spazio mente un altro aspetta un tozzo di pane in coda alla mensa dei poveri”. Dice il professor Atkinson, creatore dell’indice che porta il suo cognome e che, con l’indicatore di Gini, è da sempre lo strumento più utilizzato da economisti e sociologi per lo studio delle disuguaglianze nel mondo.

E così che la forbice sociale si allarga sempre di più, tra chi può permettersi vacanze extralusso, ostentandole alla Gianluca Vacchi, e chi tira la cinghia bottone dopo bottone e s’inventa qualcosa.
Ma l’Italia è diversa, e il tempo del benessere sociale e degli esodi estivi per ora, speriamo solo ora, sono finiti.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0