Tempo di lettura: 1 Minuti

Pistoia: il soffitto della scuola crolla dopo il temporale

Pistoia: il soffitto della scuola crolla dopo il temporale

La struttura era stata recentemente ristrutturata con un investimento di 130mila euro. #FacceCaso. Ieri mattina alla scuola Raffaello di via Calmandre

Torino: l’ennesimo crollo del soffitto a scuola
Crollata una scuola a Nairobi. Almeno 7 morti e decine di feriti
Tutti giù per terra: il caso degli studenti di Pistoia

La struttura era stata recentemente ristrutturata con un investimento di 130mila euro. #FacceCaso.

Ieri mattina alla scuola Raffaello di via Calmandrei (Pistoia), uno dei pannelli del controsoffitto in sala mesa ha ceduto a causa delle infiltrazioni della pioggia, lasciando cadere a terra diversi calcinacci. Una tragedia sfiorata che rasenta la follia. Fortunatamente la sala era vuota ma la presenza di qualche bambino avrebbe potuto scatenare delle conseguenze ben più gravi. 


E’ stato il sindaco Samuele Bertuelli ad avvisare tempestivamente i genitori dei ragazzi con un annuncio sulla sua pagina Facebook.

“Nell’aula mensa è caduto un pannello dal soffitto probabilmente a causa di infiltrazioni quella scuola è un colabrodo. E’ andato tutto bene perché i bambini si trovavano nelle loro aule – scrive una mamma allarmata – e parlo degli alunni della scuola primaria Roccon Rosso, bambini che dovrebbero ritornare nella loro scuola recentemente ampliata”.




Per ovviare al problema, l’amministratore comunale ha già programmato un sopralluogo di tecnici per domani, volto a capire cosa sia accaduto esattamente dopo il temporale. Poco tempo fa, il Comune aveva richiesto un intervento dal costo di 130mila euro per mettere in sicurezza tutti i pannelli presenti e che, evidentemente, non è stato eseguito a dovere.

I genitori chiedono conferme ed attaccano il Comune: “Queste scuole fanno pietà, invece di stendere i soldi per i rilevatori di velocità o per le telecamere private intervenite sulle scuole, pensa della sicurezza di ragazzi e di chi ci lavora”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0