Tempo di lettura: 1 Minuti

Univol, l’università del volontariato

A Milano, Bologna e Treviso per la quinta volta inizia l’anno accademico dell’ateneo del fare del bene. I programmi di volontariato presenti nelle Uni

Teramo: aggressione all’Itis di Giulianova
UniPalermo: paura a mensa, ragazzo entra e minaccia gli studenti
Da Manzoni a Giolitti, quando l’arte e la storia diventano social

A Milano, Bologna e Treviso per la quinta volta inizia l’anno accademico dell’ateneo del fare del bene.

I programmi di volontariato presenti nelle Università stanno aumentando; tra collaborazioni con Libera o con le carceri, l’idea di aiutare il prossimo (finalmente) è entrata a far parte della vita degli studenti. E se vi dicessi che esiste una Università del volontariato? Eh si, si chiama UNIVOL!

Strano, no?! Eppure a Milano c’è il primo ateneo di formazione professionale per chi vuole fare del volontariato la sua professione. E i corsi non si svolgono solo nel capoluogo lombardo, ma anche a Bologna e Treviso e stanno arrivando a Salerno e Cosenza.

Chi frequenta questa università, perché di università a tutti gli effetti si parla,

può scegliere tra corsi singoli o un vero e proprio percorso formativo che copre le più varie materie, dalla redazione del bilancio di un’associazione no-profit al Fund Raising al parlare in pubblico.

Alla fine del percorso, dopo una piccola prova finale, lo studente riceve il diploma del volontariato.

QUI trovate tutti i corsi di formazione!

Si parla, tra l’altro, di insegnamento bidirezionale. In che senso? Semplice, tra docenti e studenti c’è un vero e proprio scambio di esperienze, perché le lezioni possano essere formative per chi insegna e chi impara allo stesso modo.

Mission dell’UNIVOL è quella di formare bene chi vuole realmente occuparsi del prossimo. E a noi non può che sembrare un’idea geniale.

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0