Tempo di lettura: 1 Minuti

C’è chi pensa alla laurea triennale senza tesi

C’è chi pensa alla laurea triennale senza tesi

A Bologna, alla Bocconi e anche a Venezia, molti atenei puntano a semplificare mettendo un test finale anziché la tesi. Ma così il titolo non perde tr

L’Olimpo delle Scuole è a Singapore
In viaggio con AIESEC: hai mai pensato di girare il mondo restando in una scuola?
Bridge: l’app per sincronizzare le notifiche su tutti i tuoi dispositivi

A Bologna, alla Bocconi e anche a Venezia, molti atenei puntano a semplificare mettendo un test finale anziché la tesi. Ma così il titolo non perde troppo valore?

A Bologna la scelta già è stata presa, e presto saranno molte le università a seguire l’esempio: via la tesi come prova finale per le lauree triennali, al suo posto un esame finale uguale per tutti, e così si ottiene il titolo di dottori.

L’idea nasce per “semplificare”, risparmiare tempo e risorse e non andare più incontro a tesi striminzite o scopiazzate, da riservare invece solo per la magistrale. Una volta l’anno una cerimonia di proclamazione prima di proseguire con i due anni di specialistica. La decisione però non sembra a tutti molto positiva, anzi in molti tra gli studenti l’hanno criticata, dato che una scelta del genere leva ancora di più valore alla laurea triennale, annullandone l’importanza per chi decidesse di non continuare con gli studi ed entrare a fine dei tre anni nel mondo del lavoro. Tale opzione risulterebbe impraticabile, visto che il titolo assumerebbe un rilievo così basso da complicare qualsiasi assunzione senza il completamento del 3+2.

A Bologna il grande cambio, in nome della tanto nominata semplificazione, non è piaciuto, in quanto si sottolinea il mancato coinvolgimento in tale decisione e la perdita di creatività nel creare una tesi, documento comunque rilevante per il singolo studente. Questa scelta è stata già adottata da vari atenei, come Palermo, Bologna, Forlì, Venezia e a Milano la Bocconi, ma anche altre sedi sembrano in procinto di adottare il nuovo sistema. Come al solito una scelta presa dall’alto, in cui l’opinione degli studenti, i veri coinvolti in certi cambiamenti, rimane inascoltata e senza valore, proprio come la triennale che sta per cambiare.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0