Tempo di lettura: 1 Minuti

Divario maschi-femmine: gli stipendi dei giornalisti

Divario maschi-femmine: gli stipendi dei giornalisti

Un problema che affligge la società, e che non accenna a diminuire. Oggi è 8 Marzo, la festa della donna. E quest’anno non ci saranno solo le mimose

Normale di Pisa: “A parità di risultati sceglieremo la concorrente donna”
Men vs Women, la situazione disastrosa della Toscana
I social network per vendere le schiave. Ecco il report Onu sull’Isis

Un problema che affligge la società, e che non accenna a diminuire.

Oggi è 8 Marzo, la festa della donna. E quest’anno non ci saranno solo le mimose e le feste ad entrata gratis, ma le piazze delle maggiori città italiane saranno attraversate da cortei e manifestazioni per quelle disuguaglianze trasparenti che differiscono il sesso maschile da quello femminile.

Vi pongo davanti un problema: sapete che gli stipendi (in alcuni ambiti) sono ancora diversi, per maschi e femmine? Le giornaliste per esempio ricevono un salario più basso rispetto ai colleghi.

Il reddito medio di chi lavora come dipendente ed è donna è di poco più che 50.000€ mentre quello di un uomo è di 66.092€. Più si abbassa l’età più il divario si restringe ma nella fascia tra i 56 e 60 anni se i giornalisti hanno un guadagno medio di quasi 93.000€ le giornaliste ne hanno circa 76.000€.

E i dati potrebbero continuare, anche i giornalisti co.co.co (collaborativi, coordinati e continuativi) e i free-lance soffrono di questo “piccolo” problema. Si risolverà? Non lo so.

È uno specchio trasparente, le differenze non si vedono ma ci sono.

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0