Tempo di lettura: 1 Minuti

Arezzo: l’Università parla cinese

Arezzo: l’Università parla cinese

Il dipartimenti aretino ha deciso di potenziare i corsi, che saranno tenuti da insegnanti madrelingua cinese. #FacceCaso. A partire dal prossimo anno

Moderatori di Facebook a rischio?
Foodora via dall’Italia
Alternanza scuola-lavoro: gli studenti di Bisceglia fanno pratica da Adn Call Center


Il dipartimenti aretino ha deciso di potenziare i corsi, che saranno tenuti da insegnanti madrelingua cinese. #FacceCaso.

A partire dal prossimo anno accademico, al campus del Pionta di Arezzo, l’insegnamento della lingua inglese diventerà triennale.

“Tra gli obiettivi del nostro dipartimento c’è la formazione di figure professionali flessibili con competenze linguistiche, formative e organizzative utili allo sviluppo, all’innovazione e ai processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese”. Dice il direttore Loretta Fabbri.

I corsi di cinese saranno aperti anche ai professionisti e agli imprenditori interessati. Il master “consentirà agli studenti di acquistare competenze fondamentali attraverso una didattica esperienziale e partecipativa”.

Confindustria e Camera condividono progetti strategici sull’Ateneo. “I dati sulla crescita dell’export in provincia di Arezzo non fanno che confermare la validità del nostro rapporto con l’Università di Siena e l’importanza di investire nella formazione specialistica  dei nostri laureati con il master sull’internazionalizzazione delle imprese organizzato presso il Polo universitario aretino”. Commenta il presidente di Confindustria Toscana sud, Andrea Fabianelli.

“Stiamo raccogliendo i primi risultati concreti del lavoro e della collaborazione degli ultimi anni; le esportazioni sono aumentate del 3,4% e la disoccupazione giovanile è in diminuzione”. Ha commentato il presidente della Camera di commercio Andrea Sereni.

Il dipartimenti aretino ha deciso di potenziare i corsi, che saranno tenuti da insegnanti madrelingua. “Il legame tra l’Università di Siena e le università cinesi potrà essere dunque un’opportunità per tutta la città di Arezzo. Questa la nuova traiettoria da sviluppare”. Conclude la direttrice di Fabbri.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0