Tempo di lettura: 1 Minuti

L’Italia non è un paese per noi: poca spesa sociale sui giovani e molto sugli anziani

L’Italia non è un paese per noi: poca spesa sociale sui giovani e molto sugli anziani

Le ingiustizie della spesa sociale in Italia comparata agli altri paesi europei. Con il termine “ spesa sociale ” si intende quella parte della spesa

Già diverse morti per annegamento quest’estate
Allarme insegnanti e dirigenti
Vaccino ai giovany. Ma quindi quando si parte effettivamente?

Le ingiustizie della spesa sociale in Italia comparata agli altri paesi europei.

Con il termine “ spesa sociale ” si intende quella parte della spesa pubblica dello stato destinata al cosiddetto “welfare”.
Lo scopo del welfare è quello di ridurre al minimo le disuguaglianze all’interno del paese e garantire diritti e servizi sociali. Alcuni esempi di misure sociali adottate per cercare di eliminare le disuguaglianze sono:

  • l’istruzione pubblica,
  • la sanità pubblica,
  • la difesa dell’ambiente,
  • l’assistenza di invalidità e quella per gli anziani

e molte altre ancora.

Uno dei problemi dell’Italia, è che la maggior parte della spesa pubblica destinata alla spesa sociale non è tanto per i giovani quanto per gli anziani.
Ma parliamo di dati.

In base alle informazioni che pervengono dai Dati Eurostat sappiamo che solo il 3% della spesa in Italia è destinato a famiglie e minori. Si tratta di una percentuale estremamente bassa se paragonata a quella di Danimarca (8,3%) o Irlanda (6,6%).

Un altro esempio è l’investimento per le politiche di disoccupazione, che in Italia è solo il 2,4% del totale della spesa, mentre in Irlanda è 6,3% o in Spagna 4,6%.
Estremamente bassi i fondi destinati ai giovani ma in Italia abbiamo le più alte percentuali di denaro destinate agli anziani.

L’Italia riserva il 64,3% della spesa sociale alla vecchiaia mentre in Irlanda è solo il 25,2%.
Siamo anche il secondo paese con le spese di reversibilità più alte, secondi solo alla Spagna. Alla reversibilità, infatti, destiniamo 12,9% della spesa sociale.

Concludendo dobbiamo dire che il 77,2% della spesa sociale in Italia è destinato a chi ha più di 65 anni e questo certamente non giova ai nostri giovani.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0